Tag: concept album

KONRAD – CARENZA DI LOGICA – la recensione

Recensioni
recensione di Elena Giosmin Album solista per Konrad, al secolo Alessandro Konrad Iarussi, nato a Bari nel '75. Il suo passato musicale attraversa quasi due decadi, prima con la band giovanile Hype e poi coi Radiolondra, con i quali arrivano i primi successi discografici. Entrato alla corte di Mauro Pagani, Konrad inizia a registrare nello studio milanese "Officine Meccaniche" il primo album con la band, dal titolo omonimo: Radiolondra. Al disco parteciperanno anche nomi del calibro di Sergio Conforti (alias Rocco Tanica). Contemporaneamente la band partecipa a importanti manifestazioni musicali, vincendo nel 2005 l'Arezzo Wave e arrivando sempre nello stesso anno quarti a Sanremo Rock. Inaspettatamente nel 2008 il gruppo si scioglie e Konrad si prende un periodo di pausa, dedicandosi ...

Medulla: Camera Oscura – la recensione

Recensioni
MEDULLA, presentano "Camera Oscura", prodotto dalla band e Oliviero “Olly” Riva (Shandon, The Fire) e i cui testi sono stati scritti da Michele Andrea Scalzo (escluso il brano “La cenere” scritto a due mani con Marco Piconese), è stato registrato al Rocker Studio di Sesto San Giovanni (MI) e mixato da Oliviero “Olly” Riva.Mastering e mixaggio batteria sono stati invece affidati a Maurizio “Icio” Baggio, pressoThe Hate Studio di Rosà (VI) di Alex Fumagalli "Camera Oscura", secondo ed assai ambizioso lavoro dei Medulla, poeti dal tormentato cuore di tenebra cresciuti nella periferia metropolitana, un concept album oscuro e complesso poggiato sul fil rouge (nero?) dell'introspezione personale. Quelle che vengono sviluppate nella loro intima Camera Oscura sono dodici istantanee popolate da dem

Giuliano Dottori: ascolta il singolo Estate #1107

Video
Estate #1107, per la regia di Nicola Cordì , è il nuovo video tratto da "L'Arte Della Guerra Vol.1", nuovo album di Giuliano Dottori, terzo della sua carriera solista. "L'Arte Della Guerra Vol. 1" in uscita il1 Aprile 2014 e disponibile in pre-ordine su iTunes dal 14 marzo. L'album, già anticipato nei mesi scorsi dai due video "Le Vite Degli Altri" e "I Fiori Muoiono Quando Ci Rattrista Perderli" e da una campagna di crowdfunding che ha rivelato un forte e inaspettato sostegno della gente, viene ora lanciato dal nuovo singolo e video "Estate #1107", in radio dal 14 marzo. "L'Arte Della Guerra Vol. 1" è un album è rinnovamento stilistico e tematico, distanziandosi notevolmente dal contenuto dei precedenti lavori. Giuliano incontra una maturità artistica e lirica che permette di scrivere

Andrea Labanca: da nord a sud con Carrozzeria Lacan

Rock News
Andrea Labanca & The Fisheye Band, dal Carroponte di Sesto San Giovanni (Lombardia), a Sant’Arsenio (Salerno). Lui, Milanese di nascita, sarà unico rappresentante delle "voci del nord" al  festival di Sant’Arsenio, "Voci dal Sud -Summer Fest"  (trovate il programma dettagliato qui). Festival con un cartellone imponente ed internazionale. Andrea Labanca, tra provocazione culturale e rammarico disfattista, ha vagabondato ai confini del linguaggio teatrale, della performance satirica e graffiante e frequentato il mondo della canzone d’autore più spiazzante e corrosiva. Il suo disco precedente  “I PESCI CI OSSERVANO” ne è la prova. Si trova adesso a presentare al pubblico, da nord a sud dello stivale, Carrozzeria Lacan suo secondo lavoro uscito lo scorso 7 Maggio 2013 per Preludio Records

Roger Waters The Wall: report, foto e video

Live Report, Rock History
Report Lara, Foto Anji The Wall parte 1: il viaggio. Con i miei 4 compagni di viaggio e musica, decidiamo di dare il via a questa giornata partendo alle 15:00 in macchina da Milano, direzione Stadio Euganeo di Padova per Roger Waters e il suo The Wall Tour 2013 negli Stadi. Tutto ciò che ci caricava per il concerto, l’eccitazione e la fibrillazione del singolo che si mischiava a quella degli altri 4 in una macchina troppo stretta e calda, è stato smorzato e abbattuto dalle 6 ore (sei ore!) di viaggio: abbiamo praticamente passato tutte le fasi di un vero lutto, l’incazzatura, la depressione, la rassegnazione, causa del traffico immenso che più di una volta ci ha costretti a spegnere la macchina e pregare di arrivare in tempo. Finalmente intravediamo lo stadio dall’autostrada, ma a causa

Nobraino live @ Circolo Agorà Milano: L’intervista

Cantanti italiani, Interviste
Serata immensa al Circolo Arci Agorà di Cusano Milanino (un po’ fuori mano per gli ecocompatibili amanti della Milano centrale ma un posto capace di regalare momenti ricercati e bellissimi). Sul palco gli splendidi “Nobraino”. Quattro album alle spalle (The best of, Live al Vidia Club, No Uk! No Usa!, Disco d’oro) e una fama indiscussa che consente di saltare agevolmente le presentazioni più scontate. Noi de Lamusicarock.com abbiamo la fortuna di incontrare il cantante, Lorenzo Kruger, prima del concerto. Gli domandiamo innanzitutto il perché di questo nome. Nobraino. A parte l’ovvia traduzione, questo incitamento all’assenza di materia grigia rimanda al loro passato. Un residuo “punk-adolescenziale” nato negli anni in cui la band cercava di riprodurre artigianalmente quel rock tanto caro

Nadar Solo: il nuovo disco “Diversamente, come?” – la recensione

Album, Cantanti italiani, lanuovamusicarock, NuovaMusicaRock, Recensioni
Esce il 29 Gennaio per Massive Arts/Self il nuovo disco dei Nadar Solo, “Diversamente, come?”. La band si era già fatta apprezzare da pubblico e critica per il suo primo lavoro “Un piano per fuggire” del 2010, a seguito del quale i tre ragazzi torinesi avevano avuto modo di intraprendere un corposo tour e di aprire durante il 2012 i concerti di Bugo, The Niro, Pan del Diavolo, Perturbazione e Amor Fou, oltre a figurare tra le 5 band di supporto ufficiali del tour 2012 del Teatro degli orrori. Escono oggi con un concept album nato senza accordi. Uno spazio altro dominato da un fil rouge silente e prodotto da un’urgenza condivisa, da un bisogno naturale di raccontare storie simili. “Diversamente, come?” è un diario di amori falliti per incapacità, di vite in stand by ammalate di impotenza. U

Attesissimi debuttano i MASCARA con TUTTI USCIAMO DI CASA

Recensioni
Dopo un EP autoprodotto uscito due anni fà i MasCara debuttano con l’atteso primo disco “Tutti Usciamo di Casa”. Già dal titolo si percepisce che questo disco vuole rivolgersi ad ognuno di noi, parlando del passaggio esistenziale verso l’età adulta; è una sensazione, è un insieme di esperienze che tutti vogliamo raccontare, ed è proprio così. Fin dal primo ascolto ci accorgiamo della particolarità di questo lavoro; la batteria è fortemente improntata sullo stile anni ottanta, ossia quel suono elettronico, campionato, liscio e minimale, ma che allo stesso tempo riesce a dare profondità e mestizia all’intera composizione. Anche gli altri strumenti hanno influenze derivanti da quegli anni, ma molto meno evidenziate. La chitarra, viceversa, quasi assente e sicuramente in secondo piano nella p