Lamusicadalbasso: Ben Harper

1Si dice che se hai delle dita grosse come i tubi delle grondaie, poi fai un filino di fatica a suonare uno strumento a corda. Io è per questo motivo che ho scelto il basso: le corde della chitarra erano troppo vicine per le mie dita.

Ecco lui, Ben Harper, ha le dita grosse, eppure si muove sulla tastiera del basso come un giovane filugello leggero. Oggi parliamo di lui. È incredibile quanto groove e quanta freschezza ci sia in Steal My Kisses. È bello, è orecchiabile, leggero come pop e intenso come rock. Qui c’è la trascrizione: guardate come si muove da una corda all’altra, con sinuosità. È bella pure da vedere, oltre che da sentire; mi piace, mi piace un sacco!

E Faded? L’avete sentita Faded?


L’intro martellante, il ritmo incalzante. E quel giro di basso: bello, pulito, armonioso, quasi jazz. Ci avevate fatto caso? È un omaggio a “The Chicken” di Pastorius. Ascoltatela, e poi riascoltatevi Faded (Qui trovate la trascrizione)

Nella mia squinternata carriera da bassista ho fatto parte di una cover band di Ben Harper; non abbiamo mai fatto in tempo ad esibirci, più che altro ci trovavamo a suonare assieme pezzi del nostro idolo preferito con il solo fine di divertirci.

Non sono mai arrivato a fare questi due pezzi, sceglievamo brani più semplici, tipo “Breakin’ down”:

Ho avuto l’occasione di vederlo dal vivo, al Forum di Assago, una decina di anni fa. Concerto incredibile. Ad un certo punto il caro Ben, mentre eseguiva “Better way”, abbandona il microfono e inizia a urlare a “voce libera”! Un’emozione forte, tanto che ebbi un leggero mancamento, forse una sorta di sindrome di Stendhal legata alla musica. Lo ricordo ancora come uno dei più bei concerti a cui abbia mai assistito.

Ben Harper accompagnato dai The Innocent Criminals, Leon Mobley alle percussioni, Juan Nelson al basso, Oliver Charles alla batteria, Jason Yates alle tastiere e Michael Ward alla chitarra, sarà in Italia per quattro date a luglio:

il 17 luglio all’Hydrogen Festival di Piazzola sul Brenta

il 18 all’Arena del Mare di Genova

il 20 alla Cavea dell’Auditorium del Parco della Musica di Roma

il 22 alla Summer Arena di Assago, alla periferia sud di Milano

I biglietti sono già disponibili da mercoledì 18 febbraio.

Se volete dirmi cose, farmi conoscere nuovi gruppi o quant’altro vi passi per la testa, ma che abbia a che fare con il basso, questa è la mia mail milo.trombin@yahoo.it