La musica dal basso: StoParDeBassi – Parte1

bassoLa musica dal basso: rubrica dedicata al Basso per l’appunto a cura di Milo Trombin

StoParDeBassi – Parte1

 

È vero, scusate, sono sparito da una cifra di tempo. Scusate.

 

Ma proverò a farmi perdonare con questo articolone in più parti.

In realtà credevo di affrontare un argomento risolvibile in poche righe, ma scavando un po’ mi sono accorto che c’era da lavorare (pure troppo, per i miei gusti!)

 

ma entriamo nel vivo: trovare dei gruppi con due o più chitarre è abbastanza normale; ma esistono gruppi con due o più bassi?

Inizialmente ero convinto che magari si, qualcuno esistesse pure, ma che fossero proprio giusto due o tre. E invece…

 

Ok, partiamo con I LICAONI: credo non siano più in attività, anche perché le ultime info che ho trovato in rete risalgono a prima del 2010 e il loro sito non è più attivo (ma il dominio è prenotato e bloccato, quindi magari ritornano pure). ma potete tranquillamente smentirmi se avete altre notizie.

La formazione dei Licaoni nasce nel 2001 con l’idea di suonare musica al di fuori dei vincoli dati da uno stile o da una scelta identitaria precisa. Il risultato è che nelle loro performance si possono trovare tracce di funky, dance degli anni 70, free jazz, hard rock e progressive, musica folk e una manciata di lounge che convivono assieme nella stessa canzone: un mosaico schizofrenico.

 

Questo è il loro myspace, e qui c’è un loro brano

 

 

Poi ci sono i TOUGSBOZUKA, una band pugliese, di Massafra, decisamente attiva e decisamente “folle” per il sound che propone. Sinceramente non è facile classificare questo terzetto (2 bassi, 1 batteria); probabilmente li inserirei nel progressive rock, ma devo ammettere che la definizione che si danno sulla pagina facebook, “eiaculazione sperimentale”, mi piace decisamente di più!

Questo è il loro profilo Facebook, qui è quello di bandcamp.

Ma prima ascoltateli qui per capire se anche a voi, come a me, piacciono.

 

 

Facciamo un salto oltr’alpe: andiamo a Graz, in Francia, dove troviamo “Le Singe Blanc”. Gruppo attivo, tant’è che è appena uscito il loro nuovo album, scaricabile su bandcamp, e sono in giro in tour. Sono passati diverse volte anche in Italia, quindi magari li avete pure visti.

Il loro genere? Credo che si possa definire “delirio post-alcoolico”. Ma loro lo definiscono “Drum and BaBass”.

Ascoltateli e ditemi che ne pensate.

 

 

E torniamo in italia, nella terra dei Savoia, dove a Torino si possono incontrare i Medusa, band punk rock che non fa più concerti dal 2010 e che non carica più video sul proprio canale youtube da sei anni (quindi direi che non sono più in attività).

Peccato, perché mi parevano bravi. Ma tant’è.

Qui comunque c’è la loro pagina myspace e il loro sito è ancora attivo: se qualcuno paga il canone del dominio, ci sarà pure un perché.

Eccovi un loro video

 

 

Cambiando genere e virando verso il metal, troviamo i Morkobot. Ecco, questi non mi fanno impazzire, ma non è il mio genere. Pareri personali a parte, sono comunque bravi e sanno quel che fanno; quindi se il metal è il vostro genere, non potete perderveli. Potete ascoltarli dalla loro pagina bandcamp.

Per sapere se vi piacciono, potete gustarvi questo loro video

 

 

 

Come inizio mi pare buono. Ora datemi il tempo di preparare la seconda parte.

Alla prossima.

 

Naturalmente, come sempre, se volete dirmi cose, farmi conoscere nuovi gruppi o quant’altro vi passi per la testa, la mia mail è milo.trombin@yahoo.it