“Il rock è morto” parola di Gene Simmons

“Il rock è morto” dice Gene Simmons. Forse, non ancora, ribattono i Foo Fighters.

Gene_Simmons
Gene Simmons durante una performance live

Il fine settimana appena passato è stato quello del dibattito in rete fra i grandi del rock. Sabato, lo storico bassista dei Kiss, Gene Simmons aveva rilasciato dichiarazioni eloquenti, in merito a quello che secondo lui è lo stato di salute della musica rock, vittima della disattenzione dell’industria discofrafica: “Per gli artisti che praticano musica rock, blues o soul, l’industria discografica è morta. Il rock, alla fine, è morto. Quando io ero giovane, una volta avuta la casa discografica dalla tua parte, questa ti avrebbe finanziato in tutto e per tutto, nei tour…un’intera industria musicale era pronta per aiutare e sostenere i nuovi Beatles, i nuovi Stones. Oggi, le case discografiche esistono ancora, ma la loro attività di supporto si limita ad alcuni gruppi pop, rap e country”.

Uno scenario quanto mai triste, ma forse non poi così lontano dall’attuale stato dei fatti. Le dichiarazioni di Gene Simmons devono aver comunque colpito nel segno, dal momento che poche ore dopo la pubblicazione dell’intervista i Foo Fighters hanno voluto rispondergli via Facebook. Sulla pagina ufficiale del gruppo di Dave Grohl è infatti stata linkata l’intervista di Gene Simmons, accompagnata dal post: “Not so fast, mr God of Thunder” ovvero: “Non così in fretta, signor dio del Tuono”. Insomma c’è ancora speranza?