Lo Stato Sociale @ Carroponte 2013

lo stato socialeSabato sera in quel del Carroponte, vento che spazza via le zanzare e ci accompagna mangiando la buona pizza del Carro. Nel tavolo accanto i componenti dei Lo Stato Sociale. Lo scorso 22 giugno si sono esibiti a Sesto S.G. come ormai da tradizione. Uno dei live che più attendevo, visto che questi ragazzi li ho conosciuti proprio un anno fa al Carroponte di via Granelli e rincorsi fino a rivederli e immortalarli nelle foto e nei video che vi posto di seguito.

Perché piacciono così tanto? Perché sono così disincantati e realisti da riuscire a mettere in note ciò che è il pensiero, mio e di molti di noi. Ironie, più o meno perfide, racconti di storie, le loro, e le nostre. Federico Aldrovandi, Stefano Cucchi, ci informano sul fatto che il governo pochi giorni fa ha emesso un decreto legge sulle emergenze, dove tra i capitoli più importanti figura  il sisma dell’Abruzzo, 2009… (2009 emergenza?), figura il terremoto dello scorso anno in Emilia, e figura anche l’Expo 2015 (tutto in un grande calderone).  Lo stato sociale fa ridere, fa ballare, fa pensare. Lo stato sociale sono Bebo, Albi, Kekko, Lodo e Carrot, “giovanissimi-non-giovani-italiani-medi”. Sanno fare rap, usare i sintetizzatori, suonare serenate romantiche e accennare al rock. Sono bolognesi, come a dire, la simpatia e la cultura ce l’hanno nel sangue. Se è vero che “Lo Stato Sociale è sempre esistito”, il loro  Stato Sociale è la storia nella storia di un’amicizia, quella tra Alberto Cazzola, Alberto Guidetti e Lodo Guenzi, nata attorno ai microfoni di Radio Città Fujiko a Bologna. Pubblicano il primo ep, titolandolo Welfare Pop. Da lì, in pochi mesi, cambia tutto. 90 date in tutta Italia e un crescente clamore attorno, il consolidarsi come una delle realtà live più fresche e coinvolgenti che si possano incontrare sul suolo italico e la crescente fama su internet. I tre diventano poi cinque, con altri 2 membri all’elettronica. Nel 2011 la band pubblica un paio di singoli digitali, a cui fa seguito nell’aprile l’EP “Amore ai tempi dell’Ikea” (Garrincha Dischi).

A Febbraio 2012 è uscito il loro primo vero e proprio album, “Turisti della democrazia”, subito accompagnato da un tour ricchissimo di concerti e pubblico in rapida e costante crescita.Dal 22 Febbraio 2013 Lo Stato Sociale gira il paese presentando: “Tronisti della democrazia”,spettacolo di teatro-canzone composto da corti teatrali e loro brani. A chi non li conosce, leggete e ascoltate “Mi sono rotto il cazzo”, perché sicuramente una parte della vostra vita la trovate lì dentro!

Eccovi le foto:

[shashin type=”albumphotos” id=”64″ size=”small” crop=”n” columns=”max” caption=”n” order=”date” position=”center”]