Jules not Jude: “The Miracle Foundation” – la recensione

jules not judeGiBi

“The Miracle Foundation” è il nuovo lavoro dei Jules not Jude, dopo “All apples are red…except for those which are not red” , l’EP “Wonderful Mr.Fox” e “Tuesday?”, cresce una certa maturità nel sound della band bresciana, nell’arrangiamento e nell’armonia dei brani. Prodotto da Pier Ballarin (The R’s), masterizzato da Jon Astley (The Who, Eric Clapton) e con la partecipazione di Enzo Moretto (A Toys Orchestra) nella seconda track.

L’ album esce per l’etichetta discografica Urtovox Records. L’ascolto è divertente, fresco, atmosfere decisamente british, si va da Syd Barret al glam, all’indie più moderno, con buoni spunti pop mai scontati e sfruttati al meglio all’interno dei brani. Per chi già li conosce, la band riserva sempre una buona parte di psichedelia nei propri lavori. Anche in questo troverete la vostra porzione lisergica, forse più curata nei suoni e ragionata. Un passo avanti per la band bresciana; un disco che profuma di cambiamento e bisogno di meravigliarsi. Per la bellezza, per un miracolo.

Uscita: 11 novembre 2013. Etichetta: Urtovox. Booking: BPM Concerti.

Tracklist

1. Perfect Pop Song

2. Raise The Hood (feat. Enzo Moretto)

3. Orphan

4. Martha

6. Hazel

7. Loons

8. The Past