Johann Sebastian Punk: More Lovely and More Temperate – La Recensione

johann sebastian punk Johann Sebastian Punk – More lovely and more temperate (S.R.I. Productions / Audioglobe & Digitalea) uscito ad aprile 2014

 

di kant93

Uscito il 14 Aprile 2014 per Irma Records il full-length di Johann Sebastian Punk More Lovely and More Temperate
Siamo di fronte a un qualcosa di unico musicalmente e concettualmente, un vero e proprio personaggio che sicuramente vi rimarrà impresso nella mente. Johann Sebastian Punk, pseudonimo di Massimiliano Raffa, è il musicista particolarissimo che persino Enrico Ruggieri ha voluto nel suo palco per celebrare i suoi trent’anni di carriera. Il musicista italiano, il cui nome rappresenta una parodia del bel più noto Johann Sebastian Bach è certamente una promessa nel panorama musicale. La sua concezione di vita è basata sul riportare in vita ideali decadenti di bellezza dionisiaca in un mondo oscurato dalla monotonia e dal provincialismo. Per questi motivi il suo debut album è un qualcosa di estremamente eclettico e originale. Ci sono riferimenti negli intermezzi, nell’intro e nella outro al carissimo musicista Bach e, contemporaneamente, vi sono influenze strumentali di tutti i tipi. Ciò che ci mostra Massimiliano è un grandissimo estro creativo capace di concepire soluzioni musicali insolite grazie anche all’utilizzo di strumenti improbabili, tintinnii stile ninna nanna, motivi da circo, xilofoni e, soprattutto, grazie a riferimenti di tutti i tipo. Johann Sebastian Punk vuole stravolgere le regole della musica convenzionale dimostrando tutto il suo estro creativo. Ad esempio, pensiamo alla track “Jesus Crust Baked” che inserisce, quasi a caso, il ritornello di “Girls Just Wanna Have Fun” di Cindy Lauper. Altre tracce vanno dal Power pop punkeggiante di “Yes, I Miss the Ramones” alle fasi dubstep di “Barber’s Shop”. In quest’ultimo pezzo, inoltre, sono presenti anche momenti tipici delle ballad e del rock progressivo. 
A conti fatti il lavoro di Johann Sebastian Punk è un album da non anticipare per rimanerne sorpresi al 100%. L’attenzione meticolosa per delle parti che sembrano casuali ma che in realtà non lo sono ci fa capire quanto studio e dedizione abbia dedicato l’artista per la sua carriera professionale. E’ da qui, infatti, che si hanno chiare dimostrazioni di una mente eclettica, viva e capace di produrre un prodotto così variopinto e elaborato come More Lovely and More Temperate. 

Tracklist

1. “Exit”
2. “Vernal equinox”
3. “Jesus crust baked”
4. “Yes, I miss the Ramones”
5. “Barber’s shops”
6. “Intermezzo”
7. “The well-shorn moufflon paradox”
8. “White”
9. “Rainy spell”
10. “Strontium”
11. “Enter”

Fanpage