Jesse Malin: New York Before the War – la recensione

jesse-malinJesse Malin uscirà il prossimo 31 marzo per  One Little Indian / Audioglobe con il suo nuovo lavoro: New York Before the War

di Francesca Moli

Ennesimo sabato dal cielo grigio.
Ennesima domenica di pioggia.

Che tu sia a Milano o a New York, a Brescia o a Salerno, o a Londra, non importa, perché vieni assalito dalla stessa, identica, malinconia. A patto che tu non sia la mia adorata Shirley Manson, che, come sappiamo, è “Only Happy When It Rains”.

È in uno di questi weekend, che io chiamo “da divano e coperta”, che ho ascoltato, per la prima volta, il nuovo CD di Jesse Malin, NEW YORK BEFORE THE WAR.

A distanza di cinque anni dal precedente “Love it To Life”, il settimo lavoro in studio del cantautore statunitense vedrà la luce il 31 marzo, per l’etichetta One Little Indian / Audioglobe.
Prodotto dallo stesso Malin, con il supporto di Brian Thorn (David Bowie, Suzanne Vega e Coldplay), l’album vede la partecipazione di due miti della chitarra: Peter Buck (R.E.M.) e Wayne Kramer (fondatore degli MC5)
L’intento di Jesse è quello di “registrare un disco che racchiuda tutto ciò che ha fatto finora, ma anche di sfidarsi dal punto di vista sonoro e ritmico.” Non solo: il suo obiettivo è creare una sorta di colonna sonora, che ci aiuti ad affrontare le nostre sfide quotidiane.
The Dreamers, la prima traccia, è dominata dalla dolce melodia del pianoforte. Jesse canta la sua personale visione della solitudine, cullato dai tasti bianchi e neri del piano, che, accompagnati dalle percussioni, dominano i 4 minuti di musica.
Addicted, il primo singolo estratto da New York Before The War (lo potete vedere e ascoltare di seguito), è stato scritto dopo la scomparsa dell’amico Arturo Vega (grafico famoso per aver creato il logo dei Ramones).

Al contrario di quello che ci potremmo aspettare da una canzone ispirata da un lutto, il protagonista è il ritmo. Il basso e la batteria si uniscono perfettamente alla chitarra, creando un mix tra folk e punk. Usando le stesse parole di Malin, potremmo dire che è “l’incontro tra i Ramones e Paul Simon” Io amo i brani ritmati, quelli che mi costringono ad abbandonare la coperta di cui vi parlavo prima, per lanciarmi in danze scatenate sul mio povero divano.
Turn Up The Mains è proprio uno di questi, tanto da ascoltarlo di continuo, senza mai stancarmi.
E’ uno di quei pezzi di classico rock/blues trascinante, dove le chitarre si uniscono al pianoforte e alla batteria. Scusate la blasfemia, ma avrebbe potuto far parte di un qualsiasi album dei Rolling Stones. L’intero cd è un susseguirsi di ballads malinconiche (She’s so Dangerous ad esempio), canzoni dal ritmo un po’ più pacato (Bent Up oppure She Don’t love Me Now) e altre trascinanti.
Boots of Immigration con le sue  chitarre in levare e la poderosa sezione ritmica è sicuramente una di queste. Questa canzone vanta, inoltre, uno di quei ritornelli accattivanti, che ti entrano nella testa e ci soggiornano per ore. Ma non è l’unico brano a sortire questo effetto. Non posso dimenticare di citare “Freeway”, uno dei motivi per cui, invece di scrivere questa recensione, mi vien voglia di cantare.

So di certo che questa canzone entrerà di diritto nella mia compilation “Viaggio in Macchina”. È perfetta!

Jesse Malin, in un certo senso, fonde, in questo lavoro, gli stili e gli insegnamenti di due dei più grandi cantautori del continente Americano: Neil Young e Bruce Springsteen.

Il cd, nel frattempo, è finito e io ho abbandonato il divano da un bel pezzo.
Domani è lunedì e mi sento pronta ad affrontare tutto quello che mi porterà la nuova settimana.
Quindi, caro Jesse Malin, posso dirti che, almeno con me, hai raggiunto il tuo scopo e New York Before the War sarà la colonna sonora delle sfide che affronterò.

Di Jesse Malin potete ascoltare anche:
2000: 169 (EP)
2002: The Fine Art of Self Destruction
2004: The Heat
2007: Glitter in the Gutter
2008: On Your Sleeve
2008: Mercury Retrograde
2010: Love It To Life

 Se vuoi collaborare con LaMusicaRock.com puoi CONTATTARCI QUI siamo sempre alla ricerca di appassionati di musica!