Impression Materials: it Shounldn’t be a Matter

impression materials Stefano Elli si fa chiamare anche Impression Materials, che è anche il nome del progetto musicale solista che porta avanti. Il lavoro d’esordio si intitola It Shounldn’t be a Matter, una produzione casalinga, semplice ed essenziale. Un lavoro che si snoda in 9 tracce per lo più acustiche che attingono nelle sonorità folk, blues acustico e di una chitarra che in alcuni momenti strizza l’occhiolino a quel pop un pò sofisticato, il tutto con lo sguardo rivolto alla tradizione musicale d’oltreoceano. Un album essenziale, dicevamo, senza eccessi e troppi fronzoli. Ballate acustiche in cui voce chitarra in quasi la totalità dell’album sono sufficienti a rendere piacevole questo piccolo viaggio acustico nella tradizione americana. Non mancano incursioni ritmiche come in Goose in The Snow, in cui la chitarra si prende il suo giusto spazio. In conclusione per essere un album “essenziale” e di produzione domestica, non va di certo considerato un lavoro scarno di contenuti e di potenzialità. Impression Materials con questo album trova la sua dimensione, la sua strada, quella polverosa del folk e del Blues. Un artista di cui non bisogna perder traccia. Da ascoltare Profit and Benefice, In Refusi’n Alone e Usual stare of mind.