Broken Witt Rebels , Howlin (EP) – La Recensione

Broken Witt RebelsBroken Witt Rebels presentano il loro primo EP dal titolo Howlin uscito il 4 Agosto 2014

di Kant93
Arrivano da Birmingham con il loro primo EP I Broken Witt Rebels, band inglese capace di promettere grandi cose per il panorama musicale mondiale con un’unione di Rock e Blues intramontabile.
Il quartetto si fa conoscere con la pubblicazione del singolo Shake me Down, il 29 Giugno 2014 e già mette i paletti sul suo stile che si mostra come una splendida fusione del rock più duro unito all’inconfondibile vena emotiva e travolgente del Blues. Howlin si compone di ben cinque tracce e nessuna sfigura rispetto alle altre. Bottom of the Hill parte con un classico riff blues che, come sanno in molti, ha una sua struttura caratteristica e inconfondibile. La voce, calda, graffiante, è un punto veramente positivo dell’album poiché è inevitabile lasciarsi andare in un canto appassionato quanto grintoso. E’ un pezzo dalla struttura lineare e semplice senza particolari fronzoli, chiaro e diretto fino al punto, ideale per tutti gli appassionati nostalgici di un buon vecchio pezzo blues. Shake Me, il singolo di punta, è un pezzo riflessivo, sentimentale con cambi di velocità e che si sviluppa alternando quiete a momenti energici. L’assolo è ben posto all’interno della track giusto in tempo per coinvolgere maggiormente l’ascoltatore in questo scuotimento esasperato. I Broken Witt Rebels si mantengono sugli stessi livelli qualitativi anche con Cloud My Day che ripropone lo stesso stile visto in precedenza. La titletrack Howlin propone un ritmo incalzante e un ritornello da cantare a squarciagola. Lo scopo è chiaro: provocare negli ascoltatori un’esaltata voglia di scatenarsi in uno scuotimento esasperato unito a quella grinta, energia e sfrenatezza che solo un buon pezzo blues ti sa dare. Il cantato, come in tutti gli altri brani, è un decisivo motivo per ascoltare il lavoro del quartetto di Birmingham, poiché è coinvolgente e trascinante. Queen Bee non introduce niente di nuovo a ciò che abbiamo visto: uno stile energico, deciso ma, allo stesso punto, molto emotivo.
I Broken Witt Rebels iniziano così la loro carriera in modo forte proponendo un lavoro carino che può essere un buon diversivo per i momenti di noia: avete bisogno di divertirvi? Mettete allo stereo Howlin e non ne rimarrete certamente delusi, il loro stile è, seppur per niente originale, estremamente accattivante e coinvolgente. Un disco per gli amanti del blues e per chi vuole un po di svago!

Fanpage  Broken Witt Rebels