Alessandro Battistini: Cosmic Sessions – la recensione

alessandro battistini_press1

Cosmic Sessions è l’album che segna il debutto solista di Alessandro Battistini, già cantante, chitarrista e principale compositore della blues rock band Mojo Filter, con i quali ha tre dischi all’attivo

di Chiara Baini

Quando il leader di una band come i Mojo Filter decide di buttarsi nel mondo musicale da solista, non ci sono dubbi che sarà un successo. Registrato nel dicembre 2013, l’abum è stato pubblicato il 28 febbraio dopo essere passato tra le mani del musicista e produttore Jono Manson per la masterizzazione. Nove tracce più una bonus track, Alessandro Battistini ci accompagna per 30 minuti in un viaggio nel mondo country, folk con qualche spruzzata di blues. Apre la fila il brano Nothing more to say, un tranquillo brano folk accompagnato da cori gospel. The inner side si discosta leggermente dai ritmi country, forse per la presenza importante della chitarra suonata in modo magistrale con dei virtuosismi pieni di carica positiva. Jono Manson partecipa come seconda voce in Home, un brano delicato accompagnato dall’ukulele. Imperdibile l’assolo di sax nel finale di The wise rabbit. Walking the dog è l’unica cover dell’album. Battistini riarrangia in modo perfetto il brano di Rufus Thomas. I quarantasette secondi di banjo in Old screaming wood sono accolti da una folla urlante in delirio, facendoci sentire parte di quel pubblico. Breve, ma intenso. Molto delicata la bonus track, Xmas time outside my door, con la parte fischiettata che ci proietta in una ballata a tratti rilassante e profonda. Ottimo modo per chiudere un album così carico di ritmo.

Banjo, ukulele, piano, chitarre e sax. Strumenti diversi che si combinano perfettamente insieme a creare un album particolare. La breve durata tuttavia non è d’aiuto: lascia giusto il tempo per scaldarsi e iniziare a muovere gli stivali da cowboy, ma sia benedetto il tasto replay! Ottimo esordio solista per Battistini, ci regala un disco sincero, quasi fosse registrato durante una jam session tra amici. Godetevelo chiudendo gli occhi, vi sembrerà di essere tornati indietro negli anni ’60 in quell’America meno conosciuta, lontana dall’immaginario classico, ma sicuramente più vera e profonda.

Tracklist “Cosmic Sessions”:

01 Nothing More To Say

02 Staring At Your Splendor

03 Fill My Soul

04 The Inner Side

05 Home

06 The Wise Rabbit (An Homage To Mrs.Grace)

A The Descent

B Cosmic Souls

C Nibiru’s Dawn

07 All Of Those Rainy Days

08 Walking The Dog

09 Old Screaming Wood

10 Xmas Time’s Outside My Door (Bonus Track)

info site  Alessandro Battistini