Zanne Preview: Prinzhorn Dance School e tanti altri – live report e foto

Prinzhorn_Dance_School_08943E’ già passato un mese dall’inizio delle preview di Zanne e lo scorso 11 luglio nell’aria si respirava un misto di attesa e malinconia.

Zanne preview arriva all’ultimo appuntamento al Monastero Dei Benedettini, 11 luglio, con: Prinzhorn Dance School, Lilies on Mars e Armaud, Attilio Novellino e Saverio Rosi e i PARBAT.

report di Egle Taccia, foto Daniele Di Mauro

Io e Daniele Di Mauro ci incamminiamo nel cortile dei Benedettini per l’ultima volta prima della tempesta…ehm volevo dire prima dell’inizio del Festival. Mi metto un po’ a curiosare tra gli stand e scopro una novità che potrete sicuramente assaggiare durante l’evento: le patatine alla nutella! Giuro che sono ottime!

Ma bando alle ciance, parliamo di musica!

Attendendo il live dei PRINZHORN DANCE SCHOOL abbiamo potuto gustare interessanti preview. La mia preferita è stata sicuramente l’esibizione dei catanesi Parbat, col loro instrumental prog/rock hanno subito scaldato l’atmosfera del live! Veramente bravi e da tenere d’occhio. Credo che sia stato uno dei due showcase più interessanti della rassegna. Per ricordarvi qual è il primo, andate a controllare nel report della prima preview.

Il cambio palco, come sempre, è stato arricchito dalla selezione musicale dei ragazzi di Weak Ct, che ormai possiamo dirlo, hanno lavorato stupendamente durante queste quattro serate. Poco dopo è stato il momento dell’esibizione del duo composto da Attilio Novellino e Saverio Rosi, che ci hanno portati al limite dell’ipnosi con i loro suoni elettronici.

Per rimanere in tema elettronico, ma con uno sguardo al dream pop, è la volta dell’ultimo showcase con Armaud, duo dream pop appunto, che unisce suoni psichedelici ad una voce eterea, in un mix che porta subito ai suoni del nord Europa e che fa a dir poco sognare.

Giusto il tempo di salire sul palco e scaldare gli strumenti ed è subito live con gli inglesi Prinzhorn Dance School.  Molti di voi certamente sapranno che il loro nome è l’unione dei cognomi dei componenti del duo, formato da Tobin Prinz e Suzi Horn. A Catania sono arrivati con la band al completo. Suzi si è presentata sul palco con un mantello nero, che non lasciava assolutamente immaginare il look scelto per la serata. Tolto il mantello infatti, ha abbagliato tutti gli uomini presenti con un paio di culotte luccicanti che poco lasciavano all’immaginazione. Il loro live è stato carico e non ha assolutamente deluso le aspettative. Il pubblico, accorso in numero inferiore rispetto alle precedenti serate, era molto coinvolto e convinto dall’esibizione del gruppo, che secondo il The Sunday Telegraph  ha sfornato uno dei 120 migliori album. Purtroppo l’offerta musicale della serata era troppo ampia per poter far raggiungere alla quarta preview i numeri delle precedenti serate, ma nonostante tutto la gente era entusiasta e divertita, come sempre, segno che l’organizzazione con l’edizione di quest’anno ha davvero fatto centro.

Che dire ancora! Una volta finito il live ci siamo sentiti tutti catapultati nella vera atmosfera del festival. Si è cominciato a parlare di chi sia il nome più atteso della line up che vede artisti del calibro di: Balthazar, FFS (Franz Ferdinand and Sparks), Ultimate Painting, The Dead Brothers, A Place To Bury Strangers, Spiritualized, Camp Claude, Peter Kernel, Hookworms, Luke Abbott, Four Tet, Jacco Gardner, Timber Timbre, Godspeed You! Black Emperor.

Siete curiosi di sapere qual è il mio gruppo preferito?

Beh, per una rockettara come me assolutamente FFS!

Ed ora non resta che lanciare il conto alla rovescia!

3-2-1- Zanne Mode On!!!

Che la festa abbia inizio!

Ecco tutte le foto:

ph Daniele Di Mauro

Prinzhorn Dance School

Invalid Displayed Gallery

Armaud

Invalid Displayed Gallery

Attilio Novellino e Saverio Rosi

Invalid Displayed Gallery

PARBAT