Zanne Festival 2015: Day 1 con Franz Ferdinand & Sparks – live report e foto

franz ferdinand sparksZanne Festival 2015: al via la nuova edizione del Festival ospitato dalla città di Catania: eccovi il racconto, foto e parole, del primo giorno!

report di Egle Taccia

foto di Daniele Di Mauro

Zanne Festival si apre con i Wow Signal vincitori del contest Nuove Zanne 2015 che, dal loro paesino in provincia di Brindisi, si sono visti catapultati su uno dei palchi rock più importanti dell’estate italiana. A colpi di fuzz, drum machine e suoni originali, hanno fatto incuriosire una grande fetta di pubblico, spinta dalla curiosità di scoprire il nome della band che si stava esibendo sul palco. Il loro live è partito con pezzi strumentali, che hanno fatto esclamare subito a molti “Wow! Chi sono loro?”. Forse da qui l’origine del nome del gruppo. Tanti i generi esplorati e ben mixati, un’elettronica psichedelica, un’abilità strumentale enorme, per un gruppo di giovanissima età. La voce, un po’ debole in alcuni punti, ha avuto un ruolo di contorno; non è mai protagonista, è più un suono tra i suoni. Il pubblico ne è rimasto affascinato, una bella scoperta per Zanne!

Blathazar, gruppo belga ormai entrato a pieno titolo nel mondo indipendente europeo, ha rappresentato una bella scoperta per molti catanesi. Non erano in tanti a conoscerli tra il pubblico, ma hanno immediatamente dichiarato la loro identità. Il pubblico ne è rimasto conquistato. Non hanno sicuramente inventato nulla nel loro genere, ma il modo perfetto di eseguire i brani, una riproduzione fedele del disco, gli ha garantito l’unanimità di critiche positive. Sono in cinque, le voci si fondono, gli archi donano eleganza ad arrangiamenti interessanti, che li inquadrano in quel genere spesso definito come Chamber Pop. Anche loro escono vincenti dall’incontro col pubblico di Zanne.

Si cambia stile, si passa al rock, all’incontro tra due band storiche, Franz Ferdinand & Sparks. Sicuramente il concerto più atteso, più per i Franz Ferdinand che per gli Sparks, sconosciuti ai più, segno della giovane età della platea di Zanne. Per definire gli FFS potrei parlare delle chitarre isteriche dei Franz Ferdinand, con i loro risvolti funky, che si incontrano col glam rock degli Sparks, quel genere che vede come maggiori esponenti i Queen e che ha colorato il rock di moda ed operetta. Alex Kapranos saluta tutti con un “Minkia Catania” (più volte ripetuto durante il live)  ed è subito amore! Luci psichedeliche, palloncini volanti, molto glam sul palco ed un live interessante, con una scaletta che non ha dato l’esclusiva  ai brani degli FFS, ma li ha ben mixati con i successi degli Sparks e dei Franz Ferdinand. Il pubblico è impazzito sulle note di Do You Want To, improvvisamente si sono alzati cellulari e tablet in aria ed il pubblico ha cominciato a ballare e cantare noncurante del caldo assassino che aveva avvolto l’intera giornata. Stessa sorte per l’arrivo di  Take Me Out quasi sul finire. I bis sono stati urlati a gran voce e gli FFS non si sono certo risparmiati. C’è stato chi è rimasto deluso aspettandosi più canzoni dei Franz Ferdinand, ma tutto sommato i commenti generali sono stati positivi. Il gruppo è riuscito a trasmettere la sintonia tra le band ed a contagiare in modo divertito l’intera platea.

La prima giornata di Zanne si chiude quindi in positivo. Ci si prepara per domani in attesa dell’arrivo degli Spritualized.

Eccovi tutte le foto di ieri sera:

ph Daniele Di Mauro

Invalid Displayed Gallery

Invalid Displayed Gallery

Invalid Displayed Gallery