Pierpaolo Capovilla live al Magnolia – Report e foto

pierpaolo capovillaMercoledi 3 dicembre il leader del Teatro degli Orrori ha fatto tappa al Magnolia, con il suo nuovo lavoro da solista Obtorto Collo uscito lo scorso 27 maggio per La Tempesta dischi.

di Niska Tognon

Ad aprire il concerto: Daniele Celona cantautore, compositore e produttore artistico. Potevamo gia immaginare che quello di ieri sera sarebbe stato un concerto diverso dai live a cui siamo abituati con Capovilla. Un’ora e mezza di musica e parole che ha raccolto attorno a se un pubblico assorto e attento all’interpretazione dell’artista in un’atmosfera intensa resa tale anche grazie ai grandi musicisti che lo hanno accompagnato. Ispirazioni a Scott Walker e Tom Waits – che viene omaggiato con il brano Quando – e testi di tematiche profonde a volte politiche come “Irene” la storia di una ragazza rom, “Ottandue ore”, ovvero la storia di Francesco Mastrogiacomo, un maestro 58enne morto dopo 82 ore di maltrattamenti in una struttura psichiatrica, “Quando”, che tratta della violenza sulle donne e testi cupi e di atmosfera noir come “Bucarest” scritta nella stessa città rumena. Non mancano riferimenti autobiografici con “Il cielo blu”, “Dove vai” e “Come ti vorrei” e “Arrivederci” contenuta nello stesso Obtorto Collo e dedicata al poeta e partigiano Andrea Zanzotto. Non potevano mancare pezzi storici dal Teatro degli orrori e dai One dimensional man come “A better man”, “Vivere e Morire a Treviso”. Uno spettacolo coinvolgente e toccante che merita veramente di essere vissuto.

Di seguito le foto della serata.

Pierpaolo Capovilla

[shashin type=”albumphotos” id=”606″ size=”small” crop=”n” columns=”max” caption=”y” order=”date” position=”center”]

Daniele Celona

[shashin type=”albumphotos” id=”605″ size=”small” crop=”n” columns=”max” caption=”y” order=”date” position=”center”]