Minor Alps @ Circolo Magnolia – live report e foto

minoralps-8Live Report e foto di Mario Carina

Minor Alps live al Circolo Magnolia

Faccio subito una premessa: benchè non sia proprio il mio genere musicale, sono andato a vedermi i Minor Alps al Magnolia di Segrate, attirato dal fatto che ci suona/canta il frontman dei Nada Surf.

Ok in due righe ho citato due nomi che probabilmente ai più non dicono nulla.
I primi, i Minor Alps, sono un nuovo duo composto da Matthew Caws e Juliana Hetfield  che si spinge nei meandri pop-folk cantanutorale, con un q.b. di elettronica. I Nada Surf, invece, per chi ha ormai un pò di anni sulle spalle, se li potrà ricordare negli anni 90 quando, sull’onda del successo del Blue Album dei Weezer,  avevano debuttato con “Popular” riscuotendo un discreto successo nella ambito dell’alternative-pop-rock.
La serata si preannuncia molto intima. L’affluenza di pubblico non è molto alta. Ad aprire la serata ci sono gli Egokid. Band milanese che suona indie pop con venature danzerecce. Dopo una mezz’ora di set, lasciano il palco ai Minor Alps. Il palco è scarno: due chitarre acustiche, un laptop due microfoni e un sequencer. Mat a sinistra e Juliana a destra del palco e in mezzo il vuoto, colmato dalla complice intesa della coppia. Si vede che c’è affiatamento tra il due. Occhiate furtive a cosa sta facendo il partner mentre suona, ne danno la conferma. Hanno suonato per intero l’labum “Get there” con l’aggiunta di altri nuovi brani. I pochi presenti hanno cantato quasi tutte le canzoni e si sono fatti coccolare dalla voce sensuale di Juliana che a tratti ricorda quella di Jane Birkin.
A fine show in vero stile indie “do it yourself” Mat si è messo al banchetto a vendere le magliette e firmare autografi. Tirando le somme, i Minor Alps sono una band da tenere sott’occhio, perchè potrebbero deliziarci con delle belle sorprese in futuro.
[shashin type=”albumphotos” id=”342″ size=”small” crop=”n” columns=”max” caption=”n” order=”date” position=”center”]