Kvelertak + Skeletonwitch @ Bronson Ravenna – live report e foto

Eccoci con il live report e tutte le foto dei due concerti: KVELERTAK + SKELETONWITCH @ BRONSON – RAVENNA lo scorso 23/11/’16

live report e foto di Luca Simonazzi

Una serata esplosiva quella di Mercoledì 23 Novembre presso il Bronson di Ravenna; giunti con buon anticipo possiamo assistere alla performance d’apertura degli statunitensi Skeletonwitch, che forti del nuovo frontman Adam Clemans, portano in tour l’ultima fatica “The Apothic Gloom” insieme a vari brani più datati della discografia. La loro miscela di thrash e death metal dalle occasionali tinte black è granitica e convince, complice l’ottima esibizione del quintetto, anche chi tra i presenti non ha mai avuto modo di sentirli o vederli prima; l’accoppiata di Dustin Boltjes dietro le pelli ed Evan Linger alle quattro corde non perde un colpo, garantendo l’headbang del pubblico dalla prima all’ultima fila. In una frenetica cinquantina di minuti i thrasher di Athens dimostrano di che pasta sono fatti e di meritare il proprio posto nel tour, lasciando il palco tra gli applausi e ringraziando il pubblico una volta terminata la conclusiva Red Death, White light.

Il cambio palco rispetta la tabella di marcia nonostante ci sembri decisamente lungo per l’impazienza, ma finalmente ecco arrivare sul palco i norvegesi Kvelertak, che sulle note del brano “Dendrofil for Yggdrasil”, prima traccia del nuovo album “Nattesferd”, danno il via alle danze, mentre il cantante Erlend Hjelvik si palesa per ultimo indossando una maschera da cyber gufo (animale simbolo della band), con tanto di luci fosforescenti dagli occhi, ed è subito bolgia tra le prime file.

Come successe per il tour dello scorso album “Meir”, la band propone a ruota la seconda traccia del nuovo album, “1985”, midtempo che da la possibilità alla formazione di sfoggiare l’alto livello di orchestrazione delle tre chitarre. In effetti l’intera scaletta del sestetto è un continuo alternarsi di pezzi più lanciati, midtempo e brani più posati ed arrangiati, specialmente quelli dell ultimo album, dandoci così la possibilità di scatenarci prima e fermarci per l’ascolto dopo, anche grazie ai suoni piuttosto ben curati ed al buon impianto del locale, traspare tutta l’influenza del classico hard rock nella composizione di fraseggi ed assoli, perennemente affiancati alla voce graffiata tendente al black metal di Erlend.

Non possono mancare i singoli come “Evig Vandrar”, “Blodtørst” o ancora “Kvelertak”, che una volta conclusa fa sparire per un paio di minuti la band dietro le quinte, ed ovviamente la nuova titletrack “Nattesferd”, suonata nel momento di encore con la classica conclusione “Utrydd Dei Svake”, dove riusciamo a trascinare un sudatissimo Erlend a torso nudo tra noi scalmanati delle prime file, durante il lungo momento degli assoli finali. Speriamo non tardino troppo per tornare nel nostro paese, glielo auguriamo mentre sono impegnati in foto ed autografi col pubblico dopo l’elettrizzante show, grandi davvero.

Invalid Displayed Gallery

Tracklist Kvelertak:

Dendrofil For Yggdrasil

1985

Mjød

Bronsegud

Månelyst

Berserkr

Evig Vandrar

Blodtørst

Ondskapens Galakse

Nekroskop

Svartmesse

Offernatt

Heksebrann

Bruane Brenn

Kvelertak

Encore:

Nattesferd

Utrydd dei svake