Jaspers e Il Mio Inferno Privato al Black Hole: report e foto

Jaspers“Il cuore batte a tempo sincopato al Black Hole; ecco il live dei Jaspers”

di Guenda Deda

Ieri sera si sono esibiti al Black Hole di Milano i Jaspers, amici che abbiamo già avuto il piacere di seguire in varie serate. Il gruppo di spalla era “Il mio inferno privato” trio alternative rock italiano formatosi dalle ceneri dei Mombasa. Il loro repertorio comprende i pezzi del loro album “Formaldeide”.
Ma ecco che il tempo stringe e arrivano loro: i Jaspers.
Il gruppo di rockers folli, ora in sala di registrazione per il nuovo cd, ripropone i pezzi di Mondocomio, il loro primo cd. Come sempre si esibiscono con il loro abiti di scena: il dottore (voce), la cavia (voce), l’uomo d’affari (chitarra), l’uomo cavalletta (basso), l’inserviente (batteria) e la macchina (tastiera).
Il loro JASPERSOUND è un rock and roll senza simili nè generi di riferimento e si puó dire che ognuno di loro sente a modo proprio influenze stilistiche diverse.
Il loro rock è sincopato, prog e funky-elettronico e il loro modo di intrattenere il pubblico è, come sempre, unico.
Attendiamo in trepidazione il loro nuovo lavoro,mentre ci godiamo il loro pazzo rock.

[shashin type=”albumphotos” id=”575″ size=”small” crop=”n” columns=”max” caption=”n” order=”date” position=”center”]