Gli Afterhours con il loro “Io so chi sono” Tour a Catania – live report

afterhoursGli Afterhours hanno concluso il loro #IoSoChiSono tour teatrale al Teatro Coppola di Catania con due date, il 19 e il 20 Marzo.

Live Report a cura di Egle Taccia

1:30

Un minuto e trenta secondi, cosa può accadere in questo lasso di tempo? Pensateci bene…cosa riuscireste a fare voi? Io sinceramente ben poco, ma conosco una band, gli Afterhours, che in quei pochi secondi è riuscita a vendere ben 400 biglietti e raggiungere due sold out! Succedeva a Catania pochi giorni fa, con grande sorpresa degli organizzatori del concerto. Il tour teatrale IO SO CHI SONO della nostra rock band preferita, si conclude in maniera decisamente insolita. Infatti, le due date catanesi si sono svolte nella location del Teatro Coppola – Teatro dei Cittadini, un antico teatro di inizi ‘800, in disuso per anni, che veniva utilizzato come sala prove dagli orchestrali del Teatro Bellini di Catania e che qualche anno fa è stato occupato, ristrutturato e reso uno dei posti più caratteristici della cultura alternativa catanese. Il suo cuore pulsante è ben rappresentato dal grandissimo Cesare Basile, che insieme ai suoi collaboratori, negli anni ha reso questo teatro una bellissima realtà. Proprio a lui si devono queste due date, il cui ricavato verrà quasi interamente devoluto al Campo San Teodoro Liberato/Briganti Rugby Librino.

La mia giornata comincia con la conferenza stampa del mattino, occasione per me speciale, visto che eravamo solo in cinque i pochi fortunati chiamati a parteciparvi. In più di un’ora di conversazione con Manuel Agnelli, Rodrigo D’Erasmo e Cesare Basile, sono stati toccati tantissimi temi. Interessante l’opinione della band, secondo cui i social network sono pericolosi e servono per allontanare la gente dai luoghi d’incontro, soprattutto dalle piazze, e alienarli dietro banali “mi piace”, che poco danneggiano il potere. Si è parlato di Siae e Manuel ha spiegato quanto sia importante un rinnovamento interno, che porti ad un’apertura ai giovani, ad una maggiore partecipazione tramite votazioni on line e ad una revisione delle logiche interne. Demolendo la Siae invece, secondo il leader della band, si aprirebbe la strada ad un’invasione straniera di società manovrate da poteri forti americani, che potrebbe danneggiare ancora di più gli artisti. Per concludere si è parlato del loro rapporto col Coppola, che negli anni hanno supportato in più occasioni, e di quanto sia importante combattere certe realtà cercando di creare dei centri di aggregazione culturale per insegnare ai giovani delle aree più sfortunate, che esistono altre possibilità oltre la criminalità.

Potrei parlarvi ancora a lungo di questa conversazione, ma penso sia arrivato il momento di raccontarvi il live serale.

E’ stato stupendo! Uno spettacolo incredibile, cominciato con Manuel Agnelli che nel bel mezzo delle urla dei fan per l’arrivo della band sul palco, ha cominciato a cantare a cappella dal fondo del teatro. Sono certa che molti non avranno subito realizzato che fosse lui dal retro della sala, ma quando ha cominciato ad avvicinarsi ed ha guadagnato il palco sulle note di Io so chi sono, il pubblico è andato in delirio. La musica è stata spesso intervallata da letture molto interessanti e momenti esclusivamente strumentali. Non so quale sia la vostra opinione al riguardo, ma io ho sempre pensato che accostare strumenti classici al rock sia un’idea assolutamente geniale ed i maestri indiscussi di questa operazione in Italia sono certamente loro. Se vi dico che hanno fatto tre bis mi credete? Il momento più bello penso sia stato quando sono rientrati, credo per la seconda volta, e sono rimasti a suonare al centro della sala, in mezzo al pubblico, la stupenda Non è per sempre, durante la quale Rodrigo e Roberto sono arrivati proprio davanti alla postazione stampa e li ho sentiti scherzare col fonico, che era alle nostre spalle…come si dimenticano momenti così?

Dopo questo live, la band aveva annunciato sui propri profili social, di darsi a un lungo stop per dedicarsi al nuovo album. In realtà sappiamo già che saranno live al Brianza Rock Festival il prossimo 14 giugno, unica occasione per vedere la band live nella prossima estate.