Daniele Celona #inBellezza (opening act Massaroni Pianoforti) – live e photo report

 

Celona in acustico

Una serata davvero speciale, quella di sabato 16 gennaio all’Arci Bellezza di Milano organizzata dai Distratti in collaborazione con Via Audio, con Daniele Celona e Massaroni Pianoforti. Noi c’eravamo e vi raccontiamo come è andata.

 

 

Live report di Eleonora Montesanti, foto a cura di Niska Tognon

 

Daniele Celona e Milano, ormai, costituiscono un binomio irrinunciabile e indivisibile, come il pane e la cioccolata, Dylan Dog e Groucho, il sole e una domenica d’inverno.
Sì, insomma, quando Daniele Celona arriva a Milano è sempre un enorme piacere, poiché la potenza e la visceralità della sua musica, della sua voce e delle sue liriche hanno sciolto il cuore di un crescente numero di ascoltatori, che sabato sera all’Arci Bellezza hanno creato una situazione di scambio e partecipazione che non capita di vedere molto spesso.

In questa fase di neverending tour dopo l’uscita di Amantide Atlantide, il cantautore torinese e la sua band (composta da Marco Di brino al basso, Davide Invena alla chitarra ed eccezionalmente – solo per questa data – dal “figliol prodigo” Alessio Sanfilippo alla batteria) propongono un live totalizzante, emozionante ed energico, che ripercorre praticamente tutto il disco e ci regala qualche perla estratta anche dal primo lavoro dell’artista, Fiori e demoni.

_DSC8035In un concerto di Celona ci sono sempre delle certezze: la prima è l’empatia, la sua nei confronti del suo pubblico, ma anche viceversa; la seconda è la cura, col suo volto a tratti amorevole, a tratti violento, con cui la band si approccia ai brani, in uno stato di tensione emotiva perenne e inossidabile; la terza è la visceralità di quei testi, di quella voce, di quelle mani che si agitano sugli strumenti, di quei piedi che scalpitano: sembra sempre che i pezzi vengano suonati e cantati come se fosse la prima volta; la quarta è il godimento, puro, accompagnato dalla possibilità di essere coinvolti in qualcosa di avvolgente, di cui godere in silenzio, cantando, saltando o urlando; la quinta è il crescendo finale del live, composto da L’oro del mattino, Mille Colori e Ninna Nanna, la cui coda strumentale, questa volta, ci ha regalato un’esplosione conclusasi con Di Brino rotolante sulla batteria di Sanfilippo (a dirla tutta doveva essere un concerto semi-acustico, ma di acustico, sabato sera, c’è stato ben poco!); la sesta, ed ultima, è l’intimità, improvvisata questa volta a fine concerto, in un bis non previsto composto da Sotto la collina e dalla deliziosa Il quadro, che, tra sospiri e nodi in gola, hanno messo tutti in pace con se stessi.

_DSC7885E’ stato molto bello, poi, trovare in apertura un talento come Massaroni Pianoforti, in duo per l’occasione, il quale ha proposto i suoi pezzi più colorati, come Carlo e Una buona occasione, catturando sempre più persone che si sono fermate piacevolmente ad ascoltarlo. Personalmente è stata un’amabile scoperta.

Di seguito le prossime date dell’Atlantide Tour di Daniele Celona. Vi consigliamo di non perdervelo.

21 gennaio – Studio Foce (Lugano)
11 febbraio – Irish Cafè (L’Aquila)
12 febbraio – Mc Logan (Monte San Giacomo – SA)
13 febbraio – U-Turn (Napoli)
14 febbraio – Margot (Carmagnola)
21 febbraio – Museo di Tornaco (Novara)
27 febbraio – Edonè – Bergamo
4 marzo – Morgana – Benevento
5 marzo – Le Mura – Roma
11 marzo – Depero Club – Rieti
12 marzo – Sottoscala – Latina
18 marzo – Shakespeare – Parma
9 aprile – All’1 e 35 circa – Cantù (CO)

Qui la nostra ultima intervista a Daniele Celona: la Sardegna è la sua Atlantide.
Qui la recensione di Amantide Atlantide.

 

 

 

 

photogallery Daniele Celona

Invalid Displayed Gallery

photogallery Massironi Pianoforti

Invalid Displayed Gallery