Baustelle con “L’amore e la Violenza Tour” a Reggio Emilia – report e foto

 

Il live dei Baustelle a Reggio Emilia raccontato dalle foto e le parole di Luca Simonazzi!

Prima di raccontarvi il live dei Baustelle una piccola premessa sulla tappa emiliana. Originariamente l’evento con tappa a Reggio Emilia avrebbe dovuto avere luogo sabato 8 presso il Lime Theather, ma per disguidi organizzativi tra le parti il tutto è stato posticipato martedì 11 presso il Palasport in centro città, facendo così perdere molta adesione di pubblico (per quanto lo stesso Palasport fosse piuttosto gremito) e probabilmente penalizzando una scenografia che in teatro avrebbe certamente potuto esprimere il meglio di sé.

Giunti quindi al palazzetto possiamo assistere all’opening act di Lucio Corsi, cantautore di origine toscana di cui vi abbiamo già raccontato più volte che di recente ha pubblicato Bestiario Musicale il suo ultimo lavoro di cui trovate la recensione QUI. Lucio imbracciando la chitarra acustica, scalda i presenti con una manciata di canzoni dai tratti indie pop e raccontando qualche aneddoto su di se e sul contenuto dei vari brani.

Default Gallery Type Template

This is the default gallery type template, located in:
/home2/hulamusi/public_html/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/nextgen_gallery_display/templates/index.php.

If you're seeing this, it's because the gallery type you selected has not provided a template of it's own.

In una manciata di minuti i Baustelle giungono con tranquillità sul palco una volta accese le luci sulla luminosa scenografia in stile retrò; un rapido saluto ai presenti e la band, composta in questo tour da otto membri sempre capitanati dal trio Francesco Bianconi (voce),Rachele Bastrenghi(voce, tastiere) e Claudio Brasini (chitarra), da il via alle danze con un set incentrato sull’ultima fatica “L’Amore e la Violenza, album uscito lo scorso gennaio e che per coerenza, non ho ascoltato nemmeno una volta così da godermi la sorpresa in live. Subito possiamo notare nella prima fase un set abbastanza presente ritmicamente, con vibranti assoli di chitarra e momenti più “danzerecci” per poi cedere il posto a momenti un più posati, scelta che non ci trova del tutto favorevoli ma comunque godibile all ascolto.

Dopo circa un’ora di live, soggiunge  una breve pausa in stile cinema (con tanto di scritta proiettata “pausa relax, non allontanatevi”) dove le luci sul palco si spengono, i Nostri tornano dopo pochi minuti in scena per un secondo tempo incentrato sui pezzi più celebri e datati, così, consumante un paio di battute col pubblico da parte del frontman Francesco, i presenti si ridestano sulle note di “Charlie fa surf” e “Un romantico a Milano”; degno di nota il momento vocale di Francesco che esibisce la hit “Bruci la città”, resa famosa da Irene Grandi ma da lui scritta. Lo show volge così verso le note finali con i classici “Le Rane” e l’immancabile “La Guerra è finita”, dove il pubblico prende coraggio e si alza dai posti a sedere per correre sotto il palco a cantare.

Il tutto sembra finire così, con la band che si allontana tra gli applausi, ma torna in scena dopo un paio di minuti per regalarci un inedito, molto interessante, dal titolo “Veronica n°2” e la vera fine col brano “La canzone del riformatorio”, terminando il tutto con un inchino collettivo della band ai fans.

Indubbiamente il tutto è stato collezionato molto bene, grandi musicisti ed ottima resa sonora, tanto da farli apprezzare anche a chi non è mai andato oltre ai singoli più celebri; a questo proposito restiamo dispiaciuti con altri per la sentita mancanza di alcuni pezzi come “Baudelaire”, “Colombo” o ancora “Nessuno”, che sicuramente avrebbero meritato un ascolto in live.

Ad ogni modo i Baustelle si stanno forse addolcendo con gli anni, risultando meno malinconici di come li ricordavamo un tempo (addirittura Francesco che si fa un paio di risate col pubblico?!) contando anche stesura dei pezzi nuovi, il cui stile resta comunque più che coerente con il loro trascorso artistico.

Speriamo di poter godere ancora di una loro visita in città, visto che l’inedito di fine live ci lascia ben sperare per i futuri lavori della formazione.

Di seguito foto e scaletta:

ph Luca Simonazzi

Default Gallery Type Template

This is the default gallery type template, located in:
/home2/hulamusi/public_html/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/nextgen_gallery_display/templates/index.php.

If you're seeing this, it's because the gallery type you selected has not provided a template of it's own.

Scaletta:

L’amore e la violenza – prima parte

Love

Il vangelo di Giovanni

Amanda Lear

Betty

Eurofestival

Basso e batteria

La musica sinfonica

Lepidoptera

La vita

Continental stomp

L’era dell’acquario

Ragazzina

Seconda parte

Charlie fa surf

Un romantico a Milano

Monumentale

Gomma

Bruci la città

La canzone del parco

L’aeroplano

La moda del lento

Le rane

La guerra è finita

Encore:

Veronica n.2

La canzone del riformatorio