Tess: intervista alla cantautrice americana trapiantata a Roma

tessLei è Tess, giovane americana molto promettente, innamorata dell’Italia, dove ha scoperto la sua passione per la musica. L’ho incontrata per voi ed ho scoperto molte cose interessanti sulla sua famiglia.

Soul Whisperer, il suo primo album, sara’ presentato live  oggi – 12 maggio – alla Chiesa Metodista di Roma

di Egle Taccia

Come ti sei avvicinata alla musica e quali sono stati gli ascolti che ti hanno cambiato la vita?

Mio padre è un cantautore: sono nata con la musica nel sangue. Ha iniziato a insegnarmi l’armonia e il ritmo da quando avevo tre mesi. Prima ancora di camminare, già ballavo appendendomi a tutto quello che potevo seguendo il ritmo. Ho iniziato cosi, poi dai 9 ai 17 anni ho cantato musical professionalmente, all’università ho cantato in un gruppo ‘a cappella’, dopo, mentre lavoravo a Wall Street, ho fatto la corista in un gruppo funk. Ma la scelta di dedicarmi davvero alla mia musica è arrivata a Roma, a 24 anni, quando ho deciso di lasciare la finanza e dedicarmi a quello che veramente amavo nella vita. Gli album che mi hanno più influenzato sono stati ‘Blue’ di Joni Mitchell, forse la cantante e il disco che più mi rappresentano, Dogs di Nina Nastasia, Begin to Hope di Regina Spektor, Chelsea Girl di Nico & The Velvet Underground.

La musica è nel tuo dna! Ho letto che nella tua famiglia ci sono dei nomi illustri…ce ne parli?

Stai parlando di Frank Sinatra? Beh, si… era un cugino di mio nonno. Non l’ho mai conosciuto, ma la sua musica era sempre in casa. Adesso lo canto con la mia orchestra Jazz, la Bixi Big Band di Carlo Capobianchi, qui a Roma.

Ho letto che hai scoperto le tue doti di cantautrice proprio qui in Italia. Cosa ti ha spinta a cominciare a scrivere?

Il dolore dopo una separazione molto dura. E il silenzio. Mio padre era stato la colonna sonora della mia vita fin dall’infanzia. Il mio ex fidanzato era un pianista jazz. Sono stata sempre circondata dalla musica di altri. Quando il mio fidanzato è tornato in America, di fronte a quel silenzio, ho cominciato a sentire il bisogno di ascoltare la mia voce. Ho preso una chitarra e, come magicamente, e’ nata la prima canzone.

La tua musica si rifà al folk. Chitarra, voci ed archi ti hanno già portata in giro per il mondo. Qual è il tuo segreto?

Vivere il momento presente, ma senza mai dimenticare il passato. O per dirla con il linguaggio dell’arte: essere contemporanei, ma abbracciando la storia. Ho studiato civiltà classica, e ho cercato di portare nella mia musica l’amore per la bellezza che ho scoperto a Roma studiando l’arte del Rinascimento.

 

E’ in atto la tua campagna di crowdfunding per finanziare il tuo nuovo progetto. Ci parli di questo nuovo album?

‘Soul Whisperer’ è nato dopo quasi tre anni di ricerca della mia anima e del mio suono. Ero indecisa se inciderlo in America o in Italia, ma quando ho conosciuto il Trio Improvviso, uno straordinario terzetto d’archi, ho capito subito che lo dovevo fare qui con loro. Tutti i musicisti che suonano nel disco sono i miei ‘fratelli italiani’ e hanno avuto un ruolo fondamentale nella mia carriera musicale, sia come amici che come artisti. L’ultimo tassello era trovare un produttore artistico. Ed e’ stato Agostino Maria Ticino, di Decomposer studio, con Carlo Marchionni, che mi hanno aiutato a legare insieme le idee e amalgamare i suoni che avevo trovato.

La musica non è la tua unica passione, infatti sei innamorata dell’arte italiana. Qual è il luogo o l’opera a cui sei più legata nel nostro Paese?

‘La Primavera’ di Botticelli, sintesi perfetta tra mitologia, natura e spiritualità. Amo molto l’aspetto umanistico del Rinascimento: una riscoperta delle vite quotidiane e della dimensione umana. Qualcosa in fondo simile alla musica folk che può rendere poesia la vita di ogni giorno.

Progetti futuri?

Lancio il mio disco il 12 maggio alla Chiesa Metodista di via XX Settembre a Roma , con tutti i miei musicisti e il live painting del mio amico Ryan Spring Dooley. Poi vado in tour in Italia e in Europa. Speriamo di arrivare anche nel mio Paese, dopo l’estate. Per riuscirci ho lanciato la campagna di crowdfunding su IndieGogo. Mancano pochi giorni per arrivare al nostro obiettivo! quindi se volete sostenere l’arte di tanti giovani artisti, cliccate Qui

info:

www.justtess.comwww.facebook.com/justtessme