I Kensington per la prima volta in Italia – l’intervista

Cover_album_kensington“RIVALS” è il nuovo album dei KENSINGTON! Abbiamo intervistato la band n.1 in Olanda, che sarà per la prima volta in Italia il prossimo 12 febbraio!

Intervista di Elena Giosmin

Dopo un anno di trionfi discografici in patria, i Kensington approdano in Italia per presentare il loro terzo album, Rivals.È la prima volta in assoluto, per il gruppo olandese. Li abbiamo intervistati per conoscerli un po’ meglio anche in vista del loro prossimo live a Milano, il 12 febbraio al Circolo Magnolia.

Ecco a voi quindi tutto quello che Casper, leader della band, ci ha raccontato!

1. Presto verrete per la prima volta in Italia, cosa vorreste dire al pubblico italiano per presentare la band?

Non vediamo l’ora di venire in Italia! Il modo migliore per conoscerci veramente, è quello di venire a vedere i nostri live, naturalmente, ahaha! Ma, se non potete, e vi piace il rock pieno di energia, con grandi cori e ritmi serrati, vi suggerisco di cercarci online!
2. È stato un anno importante per voi: il nuovo album è andato alla grande e lo stesso vale per il tour…come vi sentite rispetto a tutta la questione “successo”?

È grandioso, abbiamo lavorato duramente negli ultimi anni, ci sentiamo davvero fortunati ad essere dove siamo, ora come ora. È stato un processo lungo, e in realtà, ci sentiamo ancora come se stessimo facendo un percorso, più che aver già raggiunto una meta. Ma è sempre bello ricevere riconoscimenti e approvazione. Abbiamo appena iniziato il tour in Europa, che è un’altra avventura impressionante! C’è sempre una nuova sfida dietro l’angolo su cui focalizzarsi.

3. Avete registrato Rivals a Berlino, perché questa scelta?

Berlino è un luogo molto stimolante e vivace, succede sempre qualcosa. E in più ci sono un sacco di begli studi di registrazione e in generale la città ha una vibrazione dal punto di vista creativo davvero positiva. Anche la gente è grandiosa. Andare all’estero per un paio di mesi, lontano dalla routine quotidiana, crea una bolla creativa che riteniamo indispensabile, mentre scriviamo e registriamo nuova musica.
4. Ho letto che avete una specie di rituale prima di ogni live…

Ahaha, è probabilmente il più vecchio trucco del mondo, no? Bere un paio di birre! Ci piace però inserire il tutto in un piccolo gioco, che abbiamo chiamato “King”, con le carte e strani compiti e regole. Insieme alla musica a tutto volume è solo questo che ci serve per caricarci prima di uno spettacolo.
5. Cosa vi piace di più e cosa vi piace di meno nell’essere in tour?

Fare un tour può essere faticoso e duro, guidi di notte, dormi sui camper, mangi cibo schifoso per strada. Ma è facile dimenticare tutto quando si suona in un posto dove non sei mai stato prima, vedendo Il pubblico che canta e balla con te le tue canzoni. Si vedono un sacco di bei posti, incontri nuove persone e fai ciò che ami tutti i giorni, è davvero incredibile!

 

English Version

Se vuoi collaborare con LaMusicaRock.com puoi CONTATTARCI QUI