Hilimoni: il disco d’esordio – l’intervista

Hilimoni_Foto1_b

Hilimoni. Giorgio Gozzo. Luca Perin. Filippo Perin. Davide Eulogi. Crescono nella stessa strada Via Monte Cervino, Cazzago di Pianiga. Profondo Veneto. Esce il 15 aprile il loro disco d’esordio che porta il loro stesso nome, “Hilimoni”. Un disco fresco, orecchiabile e leggero. Una primavera di fatto da godersi magari al sole, magari in compagnia.

Lamusicarock intervista “Hilimoni” il giorno dopo il lancio di questa tenera e colorata opera prima.

1)      Da cosa nasce il vostro primo disco?

Avevamo molti brani in italiano, circa 30, strano perché di solito usiamo l’inglese o il dialetto. E da quel materiale abbiamo tirato fuori i 10 brani che fanno parte del disco. È stato un modo bellissimo per non lasciare le canzoni dentro ad un computer ma utilizzarle per qualcosa di decisamente migliore.

2)      Da dove viene il nome “Hilimoni”?

Da un suggerimento di Erik Zuin, noto artista della Riviera del Brenta. Poi fuori dalla nostra sala è pieno di piante di limoni e a noi sicuramente piace limonare. È un nome che porta bene, specie all’inizio di una nuova avventura. Dopo abbiamo aggiunto “hi” perché dà freschezza al nome e lo rende diverso e unico.

3)      Per chi è pensato questo disco?

Sicuramente per i giovani. Ma quando apriamo a temi come l’amore e il sesso, temi che non hanno età, sicuramente il nostro pubblico diventa più vasto ed eterogeneo.

4)      Come nasce una vostra canzone?

A volte viene prima la musica. A volte prima il testo. Per questo progetto in particolare il maggior peso lo hanno avuto però sicuramente i testi. Anche se poi siamo andati ad usare melodie che avevamo già. Quello che ci premeva erano le parole.

5)      E il futuro?

Adesso abbiamo il disco da portare in giro. E un’estate molto intensa. Prima tappa: Croazia. Spring Break Invasion (dal 25 al 28 aprile, n.d.r.).

 

E allora buon ascolto, buon viaggio, buona estate. E andateci piano con “hilimoni”.

Per informazioni: Pagina FB – Hilimoni