Richard Aschcroft contro i “gruppi-dinosauro”

richard aschcroftRichard Aschcroft contro i “gruppi-dinosauro mostruosi”. L’ex cantante dei Verve ha segnato con dichiarazioni al veleno nei confronti della politica delle reunion, il suo ritorno andato in scena lo scorso fine settimana la festival inglese di Latitude.

Interrogato da BBC in merito alla possibilità di una, recentemente ventilata, reunion dei Verve, Richard Aschcroft ha risposto in maniera categorica: “Tutta questa faccenda della nostalgia sta diventando soffocante, e per le giovani band specialmente i festival stanno creando una situazione difficile. Con ciò non voglio dire che i vecchi artisti andrebbero scartati in blocco o che non siano degni di attenzione, ma la scena è dominata dalla nostalgia. C’è bisogno che i giovani creino la loro versione di quello che potrebbe un domani diventare nostalgico, ma non hanno un posto dove fare tutto questo perché (i festival) sono monopolizzati da questi gruppi-dinosauri mostruosi, che ammassano tutti i soldi che ci sono”.

Dichiarazioni coraggiose perché resta impossibile negare come il pubblico di Richard sia di gran lunga inferiore a quello che sarebbe il pubblico dei Verve, ma che dimostrano una lodevole coerenza.