I Babyshambles al “Ferrara sotto le stelle”

Sono passati quasi quindici anni da quando nel 1996 le note di Bob Dylan e dei Modena City Ramblers, attaccavano quella melodia che ancora oggi prende il nome di “Ferrara sotto le stelle”. La manifestazione è riuscita nel corso degli anni ad imporsi all’attenzione generale, diventando oggi una delle principali rassegne di musica a cielo aperto del nostro paese.

Le ragioni alla base del successo della manifestazione, non sono riconducibili solo alla caratura degli artisti che negli anni si sono alternati sul palco, da Vinicio Caposella ai Radiohead. Parte del merito va riconosciuto anche alla suggestiva cornice di Piazza Castello, simbolo della città e situata in pieno centro cittadino. Elemento di non poco conto in una stagione, come quella estiva, in cui è più semplice sentire parlare di amplificatori ovattati e decibel da diminuire, piuttosto che di nuovi spazi da consegnare ai grandi artisti.

Il prossimo appuntamento con il festival è fissato il 19 Giugno, quando a suonare ai piedi delle mura Estensi, saranno le chitarre “made in Albion” di Pete Doherty e dei Babyshambles. Per i fan della band del “Gin in teacups, and leaves on the lawn” quella del 19 giugno sarà l’unica occasione per ascoltare il folck elettronico dei Babyshambles. Quella di Ferrara è di fatti l’unica data italiana della formazione di Pete Doherty. La stessa sera sul palco anche Ellie Goulding, cantautrice britannica che presenterà l’album Light, capace di vendere in Gran Bretagna 40.000 copie nella prima settimana, e Le Strisce. La formazione napoletana, aprirà la scena ai Babyshambles, suonando i brani di: “Torna ricco e famoso” loro primo lavoro.

Da non perdere poi il 24 Giugno la sessione del festival “Bands Apart”, spazio riservato agli artisti internazionali che negli ultimi due anni ha visto sul palco bands come Franz Ferdinand e Artic Monkeys. Quest’estate nelle due date previste si esibiranno Lcd Soundsystem (24 Giugno) e Jonsi (22 luglio).