Il Teatro degli Orrori live @ Alcatraz Milano – tutte le foto

teatro degli orrori copertinaLa band ha presentato i brani del loro ultimo omonimo album “Il Teatro degli Orrori”, uscito ad ottobre 2015 per La Tempesta lo scorso 30 marzo all’Alcatraz di Milano, una delle tante tappe del loro tour!

Il disco è composto da dodici tracce che dipingono l’affresco di un’Italia allo sfacelo con disarmante ironia e il consueto sarcasmo. E’ un viaggio nella società italiana affrontato con la rabbia viscerale e lo struggente disincanto che contraddistinguono la band. Dal punto di vista stilistico, l’album si spinge verso un rock più definito ed essenziale, ma anche più ricercato, sottolineando il nuovo corso intrapreso dal gruppo, dove spicca l’attenzione ai testi che da sempre contraddistingue la scrittura di Pierpaolo Capovilla.

L’album è pensato per essere suonato live, e così è stato! La dimensione naturale de Il Teatro degli Orrori è proprio quella dei concerti, ambiente in cui la band si esprime al meglio e sviscera tutta l’energia furente dei propri brani.

Il Teatro degli Orrori sono: Francesco Valente (batteria e percussioni), Giulio Ragno Favero (basso elettrico),Gionata Mirai (chitarra elettrica) e Pierpaolo Capovilla (voce), accompagnati nel nuovo disco da Kole Laca(tastiere elettroniche) e Marcello Batelli (chitarra elettrica), già con loro sul palco dal 2012.

“Il Teatro degli Orrori” è il quarto album di studio dopo: “Dell’impero delle tenebre” (2007), “A sangue freddo” (2009), “Il mondo nuovo” (2012), tutti sulla label La Tempesta.

In apertura al live sul palco abbiamo assistito al live dei Love in Elevator, band che nasce ufficialmente a Venezia nel 2004 attorno alle figure di Anna Carazzai (cantante, chitarrista, bassista ed autrice di testi e musiche) Michela Modesto (bassista) e Giulia Volpato (cantante e “sintetizzatrice di onde e suoni”). Il nome della band vuole essere un omaggio a due band di culto della psichedelia anni 60: i Love e i 13th Floor Elevators. Per l’indipendente Jestrai Recors, nel 2004 incidono il primo EP “Venoma” e nel 2005 il primo full lenght “Sue Me”, dove figura anche la cover di “Afterhours” dei Velvet Underground, registrata e mixata da Alberto Ferrari dei Verdena e che vede invece Luca Ferrari (Verdena) alla batteria.
Nel 2008, dopo diversi tour al fianco di Tre Allegri Ragazzi Morti, One Dimensional Man, Art Brut (UK), Verdena, e importanti festival tra cui Rock in Idro, e con una nuova formazione che da quartetto li vede trasformati in power trio, esce il secondo full lenght “Re Pulsion”, anch’esso prodotto da Jestrai, e con la partecipazione di Franz Valente (Il Teatro degli Orrori) alla batteria. Questo è l’album che meglio mette a fuoco l’anima del gruppo: strati di riff grondanti di bontà grunge e post punk, e la voce sbarazzina e impressionante di Anna, timbro distintivo della band, che alterna ringhiate aggressive a dolcezza infantile.
Il terzo album “Il Giorno dell’Assenza” esce nel 2010 per E&F/Go Down Records/Audioglobe ed è l’unico album della band completamente cantato in italiano: il primo singolo “Mata Hari” riscuote notevole successo e si aggiudica numerosi passaggi televisivi su MTV, Radio DeeJay TV e Rock TV.

Di seguito tutte le foto del live di Milano:

ph Andrea Bruno Diodato

Teatro degli Orrori

Invalid Displayed Gallery

Love in Elevator

Invalid Displayed Gallery

Il tour dei Teatro degli Orrori prosegue ancora con due date:

02 aprile – Capanno Black Out – Prato
23 aprile – Supernova – Genova