Reset Festival: a Torino esplode la Musica Incolta

reset festivalFoto e Live report Martina Caruso
Dall’11 al 14 settembre a Torino si è svolto il RESET FESTIVAL. 3 location, oltre 50 band e live gratuiti, workshop, mercatini e diverse presentazioni discografiche. Non ci siamo persi l’occasione di farci un bel giro e vedere con i nostri occhi che il Reset Festival non è solamente una rassegna live di band emergenti, ma qualcosa di più. Al suo interno diverse le conferenze, le interviste, i dibattiti e molto altro. Obiettivo del festival: raccontare storie e far conoscere o affermare realtà musicali del nostro territorio.
La location del primo giorno sono stati i Murazzi davanti alla neonata Murazzi Student Zone. Ad avvicendarsi sul palco lungo il Po c’erano i Pagliaccio, Daniele Celona, 2 Fat Man e il djset The Sweet Life Society. I Murazzi da mesi non erano così pieni di ragazzi fino a tarda notte e questo non può che far felice chi ama Torino e la vede ancora come una città vitale e di indole europea.
Il secondo giorno inizia sempre ai Murazzi. Sin dal primo pomeriggio la Student Zone si riempie grazie ai workshop per la comunicazione nell’ambito musicale, a cui hanno aderito Giulia Elefanti, Federico Dragogna e diversi esperti del settore. La serata sullo Psycho Stage è stata, poi, dedicata alla partnership del Reset Festival con Arezzo Love Festival. Si sono alternate così sul palco diverse band provenienti da tutta Italia.
Si entra nel weekend, aumentano i palchi e il Reset Festival si sposta in superficie. Tre palchi in Piazza Vittorio più una postazione Buskers davanti al Lab e il Clorophilla. Stante la concomitanza con gli Mtv Digital Days la piazza risponde bene agli artisti tra cui Kutso, Levante, Marco Levi, Nadàr Solo.
La quinta edizione del Reset Festival si chiude il Sabato in uno stato di euforia da parte di tutti pubblico e staff (si narra che quello dello staff sia stato molecolalcolicamente indotto) per aver partecipato e organizzato un Festival importante per la musica emergente e, soprattutto, per questa città.
Foto e Live report Martina Caruso
[shashin type=”albumphotos” id=”195″ size=”small” crop=”n” columns=”max” caption=”n” order=”date” position=”center”]