Incognito + Gregory Porter al Festival di Villa Arconati

Incognito + Gregory Porter, la black music tra un oceano e l’altro al Festival di Villa Arconati – Giovedi 24 Luglio

incognito - gregory porter

Il Festival di Villa Arconati chiude la sua ventiseiesima edizione giovedì 24 luglio affidando il suo ultimo doppio concerto di stagione a due artisti padroni indiscussi della black music, nella sue più ampie espressioni: la band britannica degli Incognito e l’artista californiano Gregory Porter.

Gli Incognito arrivano in Italia scegliendo il Festival di Villa Arconati come seconda tappa delle uniche due date esclusive del loro tour italiano. Quest’anno è il 35° compleanno degli Incognito. 35 anni ricchi di musica intrisa di soul, avvolta nel jazz, con tocchi di funk e dance, creata sempre cercando di animare, coinvolgere e far ballare il mondo. Nel anno di questo 35° anniversario, gli Incognito pubblicano il loro 16° album in studio “Amplified Soul”su etichetta EarMusic (Edel). I brani creano un tappeto di grooves, soul e funky, marchio caratteristico degli Incognito. Un’avventura con canzoni meravigliosamente avvolte in toni caldi. Gli Incognito, capitanati dal vocalist e chitarrista Jean-Paul “Bluey” Maunick,  ci aspettano per meravigliarci.

 

Gregory Porter, fresco della recente vittoria al Grammy Award nella categoria “Miglior disco jazz vocale”, Gregory Porter torna in italia per presentare il suo ultimo lavoro “Liquid Spirit”. L’album è stato realizzato sotto l’incoraggiamento di Don Was, presidente della “Blue Note” e rappresenta una sorprendente raccolta di brani che ruota attorno ad influenze gospel, blues e R&B, evidenziando un codice musicale caratterizzato dallo stile di scrittura autentico e dalle qualità vocali dell’artista.

 

Per info e biglietti consultate il sito del Festival di Villa Arconati