Carroponte 2014: Virginiana Miller live il 18 giugno

Virginiana Miller CarroponteIl 18 giugno sul palco del Carroponte potremo assistere al live dei livornesi Virginiana Miller!

La storia dei Virginiana Miller inizia nei primi anni ’90 a Livorno. Il loro primo album, Gelaterie sconsacrate contiene alcuni dei brani più importanti della band, come Altrove, Tutti al mare, L’estate è finita e Venere Nettuno Belvedere, tuttora immancabili nei loro concerti. Pubblicano poi altri quattro album che confermano la scrittura piacevolmente colta di Simone Lenzi. La loro musica è un’esperienza intensa che fa vibrare il cuore, è musica d’autore che ci racconta la Bellezza “con la leggerezza di una tavolozza di suoni”, sono testi, intensi e profondi, che non temono lo spessore letterario. È un rock poetico ed emotivo, filosofico e politico, che penetra dolcemente l’anima. Alla fine del 2010 tutte le classifiche dei più importanti siti web musicali (XL Repubblica, Rockol, Rockit) inseriscono i Virginiana Miller come assoluti protagonisti tra i dischi dell’intero decennio 2000/2010. Nel 2013, per il brano Tutti i santi giorni, i Virginiana Miller si aggiudicano il David di Donatello di Venezia nella categoria “Miglior canzone originale”. L’anno scorso è uscito il loro ultimo splendido lavoro, “Venga il regno”, che, in un momento in cui l’antico ordine sembra sgretolarsi tra le nostre dita, suona come un invito a uscire allo scoperto, a vivere qui ed ora, senza attendere nient’altro. È anche un album che ci narra di demoni e pontefici, di polvere, dell’ombra di Moro e delle sue lettere; dell’elicottero sospeso sopra la cupola di San Pietro che riporta a casa un papa come si riportano a casa i soldati dal fronte; degli anni ’70, delle lotte operaie e della Fiat venduta, del jet set “bene”, chic e annoiato; dell’immensa bellezza di Roma e delle sue vittime sacrificali. E poi c’è l’amore, “perché è l’amore che ti accoglie, perché è l’amore che ti dà e ti toglie”. I Virginiana Miller la praticano e la producono davvero la Cultura, esplorano nel profondo l’incanto, e ci invitano a seguirli, prendendosi un po’ gioco di chi dice che “con la cultura non si mangia”. I Virginiana Miller sono: Simone Lenzi – parole e voce, Antonio Bardi – chitarre, Matteo Pastorelli – chitarre, Daniele Catalucci – basso, Valerio Griselli – batteria, Giulio Pomponi – tastiere, piano.

Abbiamo in passato intervistato i Virginiana Miller, se volete leggere la nostra intervista alla band di Livorno, potete cliccare QUI.

Ad aprire il concerto, sul palco del Carroponte ci saranno i FOU, i cui brani, spesso autoironici, raccontano storie di una normalità parossistica e paradossale, privilegiando un italiano libero, sgrammaticato e licenzioso.
Il primo vero lavoro è l’EP/Promo autoprodotto “I nostri costosi hobby feticisti’, realizzato nel 2006 presso l’ Alpha- Depth studio di Bologna con la regia di Francesco Donadello (Giardini di Mirò) e la produzione artistica di Diego Palazzo (Baustelle, Egokid).
Nella primavera del 2008 i Fou tornano all’Alpha Depth registrando altri 7 brani, completando così il primo disco “Procurarsi Guanxi” (Novunque Produzioni e Comunicazione), collaborando anche con Daniele Carretti (Offlaga Disco Pax).
A fine 2012 i Fou rientrano in studio, a ‘La Sauna’ di Varese con Andrea Cajelli per registrare 11 nuovi brani coprodotti con Ettore Bianconi (Baustelle).

Mercoledì 18 Giugno

Inizio Spettacolo: ore 21.30

Ingresso libero