Carroponte 2014: Perturbazione live il 6 luglio

perturbazione carroponteReduci dall’ultimo Festival di Sanremo, il 6 luglio saranno sul palco del Carroponte i Perturbazione.

I Perturbazione nascono in provincia di Torino, in occasione di un concerto liceale di fine anno scolastico. La formazione viene fondata da Tommaso Cerasuolo (voce) e Rossano Lo Mele (batteria), a cui si aggiunge poco più avanti Gigi Giancursi (chitarra) Nel ’96 esce Corridors, primo singolo autoprodotto: 45 giri do-it-yourself, confezionato e venduto manualmente durante i primi concerti. Due anni dopo arriva l’album d’esordio: Waiting to Happen. Il gruppo comincia a girare l’Italia e la formazione si amplia; dapprima con l’ingresso di Elena Diana (violoncello) e in seguito di un altro chitarrista: Cristiano Lo Mele, fratello di Rossano. Il cd esaurisce in fretta la tiratura, nel circuito underground si parla sempre più spesso dei Perturbazione, così il successivo mini album 36, edito sul finire del ’98, diventa sold-out altrettanto velocemente (i primi due dischi verranno poi ristampati su unico cd da Santeria / Audioglobe). Nel 2002 la band decide di convertirsi all’italiano. L’esito di questa decisione è In Circolo, album divenuto in breve tempo uno dei classici della musica nazionale, tanto da essere inserito nella lista – redatta dal mensile Rolling Stone – dei 100 dischi italiani più belli di sempre. Un riconoscimento recente per un album dapprima rifiutato da tutte le etichette, poi uscito in sordina (sempre per Santeria/Audioglobe) ed esploso a un anno di distanza, nell’estate del 2003, grazie al video e al singolo di Agosto: presenza fissa sui principali network radiotelevisivi e nel “music control”. Il tour di In circolo porterà i Perturbazione in tutta Italia per 130 concerti. L’attività live è il punto di forza della band. Chiunque abbia visto i Perturbazione “on stage” potrà testimoniarne l’unicità: nessun concerto è mai uguale a un altro. Infatti la band vince per due anni il premio come Miglior Tour italiano al Meeting delle Etichette Indipendenti e viene invitata al MTV Brand:New Tour.

Il gruppo, erede del rock alternativo degli ‘80 (Cure, R.E.M., Smiths), mostra una capacità rarissima di unire testi personali, facendoli però attraversare da un suono pop-rock obliquo quanto orecchiabile. Le canzoni di In circolo diventano note tra gli appassionati di musica indipendente e portano al successivo, attesissimo album, Canzoni allo specchio. I Perturbazione firmano il primo contratto con Mescal (Subsonica, Afterhours, Bluvertigo etc.); dalle brume dell’emiliano Studio Esagono e con la produzione artistica dell’ex Scisma Paolo Benvegnù, arriva nel 2005 Canzoni allo specchio: scurissimo e ancora più riflessivo dei precedenti. Ciò non di meno il singolo Se mi scrivi (nel cui video Carlo Lucarelli recita la parodia di se stesso, assieme a Marina Massironi) diventa uno dei successi dell’estate. Sulla scia del successo di quest’album i Perturbazione scrivono e portano in scena uno spettacolo dedicato alle città italiane e a come queste sono state cantate e raccontate dalla musica nazionale, dal dopoguerra a oggi. Nasce così Le città viste dal basso: concerto ogni volta diverso dove è fondamentale la presenza di musicisti ospiti, in quanto portatori d’esperienza e canzoni legate alla propria città: così si sono alternati sul palco con i Perturbazione autori come Manuel Agnelli, Francesco Bianconi, Max Pezzali, Vasco Brondi, Emidio Clementi e altri ancora. Le città viste dal basso diventa poi nel 2009 un vinile in edizione limitata che raccoglie il meglio del tour omonimo, mentre Alice TV (Telecom) decide nel 2008 di realizzarne una serie documentaristica a puntate. Nel 2006 avviene un ulteriore salto: i Perturbazione firmano per Capitol / Emi. Così, mentre Linus chiede loro di rifare Sapore di sale per la sigla di coda di “Deejay chiama estate”, la band prepara Pianissimo fortissimo: ideale terzo album che chiude la trilogia della formazione della band. Il disco esce nella primavera del 2007, anticipato dal singolo Battiti per minuto, nel cui video Remo Remotti interpreta se stesso.

Gli archi di Pianissimo fortissimo vengono arrangiati e suonati da Davide Rossi, già con i Coldplay di Viva la Vida e con Goldfrapp, Verve e Röyksopp. Pianissimo fortissimo è accolto benissimo dal vivo come dalla critica: è il primo album italiano a essere lanciato in streaming dal social network MySpace Italia, consolidando il rapporto tra il gruppo, il web e i nascenti social network. Dopo cinque anni tutti d’un fiato giunge una battuta d’arresto: il rapporto che lega la Emi ai Perturbazione è oggetto di divergenze artistiche, tanto da lasciare la multinazionale nel 2008. Nel frattempo il gruppo decide di riprendere in mano un altro spettacolo, integralmente pensato e confezionato in casa. Si tratta di Concerto per disegnatore e orchestra, un incontro inedito tra teatro di figura e animazione primordiale, dove Tommaso Cerasuolo disegna in diretta una storia che viene ripresa da una videocamera e proiettata su uno schermo a beneficio degli spettatori; mentre nel frattempo gli altri cinque la sonorizzano dal vivo. La stranezza del progetto fa il paio con Enlarge Your English; si tratta di canzoni in inglese per l’editoria scolastica raccolte in vari volumi e diffuse gratuitamente dalla band sul suo sito: www.perturbazione.com. Dopo un anno di riflessioni, fervono i preparativi per il nuovo album. I Perturbazione affrontano un giro live di riscaldamento chiamato Preliminari Tour che riscuote un successo inaspettato. Anteprima di Del nostro tempo rubato (Santeria, 2010): l’album – doppio, quasi un concept sulla metafora del trasloco (affettivo, dal proprio paese, letterale e così via) – ottiene un grande riscontro radiofonico soprattutto grazie al singolo Buongiorno Buonafortuna (che vede la partecipazione del cantautore Dente). Una specie di slogan pop-rock che traina tutto il disco e che dimostra la nuova personalità acquisita dai Perturbazione. Non soltanto una band in senso classico, ma ora anche un ensemble che maneggia programmazione elettronica e generi musicali (folk, punk, techno, new wave), saltando con scioltezza dall’uno all’altro. Pur imponendosi subito, il disco è a lunga conservazione, visto che la band rimane in giro dal vivo per un anno e mezzo per promuoverlo, inanellando diversi sold-out. È proprio durante questo tour che i Perturbazione vengono contattati per una rilettura integrale de La buona novella, il capolavoro “sacro” di Fabrizio De Andrè.

Fiancheggiati da Nada e Alessandro Raina, i sei eseguono dal vivo e registrano l’album, al momento ancora inedito. In coincidenza con la ristampa in versione ampliata di In circolo per il suo decennale, i Perturbazione cominciano a scrivere e a “provinare” una serie di brani per il disco successivo; in uscita per la corregionale Mescal, sospirato ritorno a casa (discografica) dopo alcuni anni di distanza. Accomunati dal desiderio di spingere oltre quanto sperimentato in Del nostro tempo rubato, i sei elaborano brani sfrontati, che imbastardiscono la radice del loro suono con sperimentazioni elettroniche ancora più convinte. Il che – oltre a riaffermarne lo stile e il marchio – pone nel 2013 il suono del gruppo a un livello ormai internazionale per ricerca e personalità. Frutto di una scrittura onnivora ma leggera, curiosa ma in definitiva pop, diretta eppure ricercata, Musica X contiene una serie di collaborazioni così eterogenee (Erica Mou, Luca Carboni, I Cani, oltre alla produzione artistica di Max Casacci dei Subsonica) da testimoniare l’inarrestabilità creativa dei Perturbazione. – L’album è uscito in un primo tempo in edicola il 6 Maggio in allegato a La Repubblica XL; un vero e proprio evento, perché mai fino ad oggi, XL aveva distribuito un album completamente inedito registrato in studio; contemporaneamente veniva venduto anche negli store digitali. – A rappresentare tutto ciò, il primo singolo/video La Vita Davanti e un tour estivo che ha traghettato la band attraverso l’Italia mentre si organizzava la parte autunnale, che ha preso il via da una doppia tappa a Berlino e una a Bruxelles (17 / 18 / 19 Ottobre) dove i Perturbazione hanno presentato dal vivo Musica X sia come album che come nuovo singolo. – I Perturbazione con L’Unica e L’Italia vista dal bar, hanno partecipato alla 64esima edizione del Festival di Sanremo (dal 18 al 22 Febbraio 2014) / 4° posto nel televoto sia nella 1° che nell’ultima serata – 6° nella classifica generale – Premio Critica Radio/Tv/Web della Sala Stampa Lucio Dalla / Premio 100 Radio / Premio Blog Macchia Nera assegnato dal Dopo Festival; qualche giorno prima, la prestigiosa Accademia della Crusca giudicava – attraverso il linguista Lorenzo Coveri – i due brani presentati in gara come i migliori in assoluto per l’edizione 2014. Dal 20 Febbraio Musica X è presente anche in tutti i negozi di dischi arricchito dai 2 inediti sanremesi.

Ad aprire la serata, ben due band: Kafka on The Shore e Les Enfants

Domenica 6 Luglio

Inizio Spettacolo: ore 21.30

Ingresso: 5€ (in prevendita) – 10€ (in cassa)