The Bastard Sons of Dioniso: live il prossimo 23 maggio a Roma

the bastard sons of dionisoUna mattina del 2008 la band approda in televisione, si qualifica al secondo posto ad X Factor ed il successo prende il via. Firmano il contratto con la Sony Music e l’uscita dell’ EP L’ Amor Carnale è già disco d’ oro con oltre 40 mila copie vendute. Sono i The Bastard Sons of Dioniso.

Tutte le premesse che questo power trio ci ha mostrato nella passata stagione televisiva vengono riconfermate nei due album successivi in cui i Bastardi tornano a proporci una miscela esplosiva di punk/hard rock. Da qui sarà solo un’ ascesa per loro, aprendo i concerti di artisti internazionali come Robert Plant, Ben Harper e Green Day. Il 23 Maggio calcheranno il palco dell’Orion di Ciampino e ci presenteranno il nuovo lavoro. E’ un disco a volte duro, a volte sognante, rispecchia il sound carico e disincantato con una cura nei testi che va sempre perfezionandosi.

Il titolo del disco “c’è ma non si vede” spiegano i tre ragazzi che aggiungono “è celato in un rebus che compone la foto di copertina, in una sfida al decriptaggio mnemonico musicale  e sensoriale”. Al disco hanno collaborato anche i Gnu Quartet, quartetto d’archi in passato già al lavoro con artisti del calibro di Afterhours, PFM e Negramaro, nonché Bugo; registrato nel 2013 in Trentino, mixato e masterizzato da Gianluca Vaccaro al Terminal2Studio di Roma nel Gennaio 2014, l’album è stato prodotto da Piero Fiabene per LP & Friends e Fiabamusic.

Ad aprire il concerto e a presentarci il loro ultimo album saranno i Nonzeta, band di Orvieto attiva già da molti anni, selezionata dal Laziowave Contest 2013, sezione dedicata agli emergenti.
La band si è distinta su importanti media di settore e nell’apertura ad eventi di rilievo come Almamegretta, Linea 77, Articolo 31 ecc.