Rolling Stones il tour non sfonda in America

I Rolling Stones hanno problemi di sold-out. Per la serie “anche i ricchi piangono” o se preferite “incredibile ma vero“, pare che il tour celebrativo per i cinquant’anni (ormai cinquant’uno ndr) di carriera della band, non riesca a sfondare nelle vendite. Certo definire lo Staples Center di Los Angeles (location del debutto) mezzo vuoto sarebbe un falso, ma tutti chiunque abbia visto uno stralcio di video dello show ha potuto accorgersi di come alcune poltrone siano rimaste vuote.

Rolling stones mick-jagger-gwen-stefani-perform-wild-horses-los-angelesIl tutto nonostante le numerose sorprese previste dalla scaletta dello show, su tutte la partecipazione straordinaria di Gwen Stefani. Il motivo? Il prezzo dei biglietti. Il costo è sì lo stesso delle due date che hanno visto protagonisti Mick Jagger e soci a fine 2012, ma questa volta il pubblico americano non crede più che si tratti dell’ultima occasione per vederli suonare assieme dal vivo. Insomma si è inceppato il meccanismo del: “è l’ultima occasione per ascoltare gli Stones dal vivo”, quel meccanismo che portava lo spettatore a spendere i circa 600 dollari del costo del tagliando. Una cifra che, soprattutto in momento come questo, è decisamente fuori dalla portata di molti americani.

Così il promoter AEG Live, si è già visto costretto a scontare i bilgietti invenduti, che in occasione delle prossime quattro date del tour, venivano proposti anche alle abbordabili cifre di 69 dollari.

Segnali sicuramente preoccupanti per gli Stones. C’è chi ventila infatti la possibilità che i mancati sold out possano sottoporre l’intera tourné ad obbligatori tagli al budget. Aggiungiamoci poi che, a onor del vero, il gruppo non è apparso certo in forma smagliante (i media americani hanno descritto come “disastrosi” alcuni momenti dell’esibizione di Los Angeles), ed ecco completo un quadretto che di certo non rende onore ai cinquant’anni di carriera dei Rolling Stones.

Noi purtroppo non c’eravamo, e quindi risulta difficile giudicare, ma possiamo assieme a voi ascoltare un estratto della prima data. Ognuno è ovviamente libero di farsi la propria idea.