Marilyn Manson contestato in Russia, annullati i concerti

Marilyn Manson è stato costretto ad annullare due concerti in Russia.

marilyn-manson-live-australia-2009
Marilyn Manson durante un concerto

Niente da fare. Dopo Lady Gaga, Madonna, Elton John e i Bloodhound Gang (senza scomodare le Pussy Riot) anche Marilyn Manson ha dovuto scontrarsi con l’intransigenza russa in materia di sessualità e religione. Il cantante, le cui performance sono state osteggiate dai russi ortodossi, ha dovuto cancellare nell’ordine la data di Mosca e poi quella di Novosibirsk. Il concerto nella capitale è stato annullato dalle autorità dopo che ignoti avrebbero denunicato la presenza di un ordigno pronto ad esplodere nel luogo del concerto. La tappa di Novosibirsk è saltata invece al seguito delle manifestazioni di protesta del pubblico ortodosso che ha accolto Marilyn Manson, contestato perché la sua opera promuoverebbe il sadomasochismo, a colpi di uova e acqua santa. Anche in questo caso le autorità, al fine di evitare disordini, hanno preferito annullare la performance.

Marilyn Manson ha affidato a twitter il suo commento sulla vicenda: “Perché sono le persone che accusano la musica di ispirare la violenza a generare tutto questo disordine?” è stato l’acuto commento del musicista.