Living Colour: il live di Milano @ Factory – foto e recensione

living_colour-3Cosa succede quando il soulfunk si fonde con l’hard rock? Succede che ci sono in scena i Living Colour. A Milano. Al Factory. Il sipario si alza lo scorso 16 marzo, poco dopo le 20 con la performace dei nostrani What A FunkTrio al fulmicotone. In veste tribal-rave investono i presenti sottopalco con una valanga di suoni che spaziano dal rock funk di matrice Chili Peppers prima maniera a sonorità più moderne in stile “nu-metal”. whatdafunk-4Una bella botta di energia e follia. Con un certo stupore noto che nel frattempo il Factory si è riempito per bene. Nota che mi fa capire che i Living Colour non sono finiti nel dimenticatoio. Band newyorkese che ho conosciuto trasversalmente in quanto citata spesso e volentieri da band che hanno fatto dagli anni 90 ad oggi la storia di ciò che prima era chiamato crossover, poi mutato in nu-metal e oggi alternative metal. Insomma, considerati a tutti gli effetti dei capiscuola. Band sicuramente poco muscolosa, ma piuttosto per palati fini. Il concerto scivola via su un’altalena di raffinato mix di soulfunk e hard rock blues. Come da ultimo trend delle band storiche, è stato  suonato per intero l’album Vivid per celebrare il 25° anniversario dall’uscita.                                                                                   Mario Carina

[shashin type=”albumphotos” id=”19″ size=”small” crop=”n” columns=”max” caption=”n” order=”date” position=”center”]