Zucchero sconfigge la pioggia nel concerto di Verona

Sotto acquazzoni a tratti torrenziali, un cielo scuro e tempestoso lo show musicale di Zucchero all’arena di Verona si è rivelato trascendentale. Per la seconda data di cinque, in questo mese di giugno, uno Zucchero scatenato e galvanizzato dalla pioggia ha incantato le migliaia di spettatori grondanti. La scenografia prevedeva un grande baule, con ai fianchi due specchi video, che si apre all’inizio e si chiude alla fine. Ovviamente all’interno del baule c’erano Zucchero e la sua band, quest’ultimo per le prime 4 canzoni seduto su un trono.
Come anticipato in un articolo precedente, l’eccentrico cantantautore italiano ha eseguito prima tutte le tracce del nuovo album e successivamente una serie di pezzi del suo repertorio tra cui Diamante, con le mani, dune mosse e altri cinque o sei canzoni. Nel finale toccante ed emozionante l’esecuzione di Miserere, dedicato all’amico scomparso Pavarotti. Dopo oltre due ore di concerto per premiare i fan inzuppati ma scatenati ha inoltre eseguito un pezzo Blues prima del gran finale con per colpa di chi.

Seguirà articolo con ampia galleria fotografica.