Viola & Mescalina: Aleph è solo l’inizio

Aleph. Già dal titolo l’Ep dei Viola & Mescalina si dichiara come l’inizio di qualcosa. Qualcosa che in realtà è iniziato molto prima dell’uscita del disco del giovane gruppo lombardo. Proseguono infatti il cammino dell’alternative rock italiano più esplicito sulla scia dei più noti Verdena e Teatro degli orrori. Come spiegano nella presentazione i brani sono fusione di due elementi contrapposti ma complementari: la morbidezza della viola, componente acustica di dolcezza e la durezza della mescalina, il tratto punk, la ribellione, la follia. Un’idea che si ritrova compatta nei brani impastati tutti di melodie solo chitarra (come si confà al genere) rotte poi da avventi molto più ritmati e rock. Diversa dalle altre la seconda canzone Affresco noir, dove le parole ad un certo punto si interrompono lasciando in un silenzio, un momento sospeso, che emoziona. Interessanti i testi, minimali ma intensi e a tratti molto poetici, sicuramente più ricercati rispetto all’aspetto armonico. Ne “L’impiccagione di Cartesio” splendida la domanda “anche gli dei ci pregheranno per averli creati?”. Più degli altri colpisce “Dt. Jekyll (e la sua insonnia)” brano che rispecchia in musica e parole il dichiarato dualismo dell’ep, qui contenuto e forma si inseguono sulla stessa linea e il risultato è degno di nota. Ne esce un progetto adeguato per un inizio, per un aleph giustappunto musicalmente poco innovativo ma nel complesso godibile. Non bastano la particolare voce del cantante, ne l’uso di controvoci per dare a questo gruppo un’identità nuova, un’originalità necessaria a imporsi in un panorama così ampio. Bella l’idea di rendere scaricabile dal sito www.violaemescalina.it l’ep con i quattro brani la copertina e i testi. Vi consigliamo quindi di cogliere l’occasione e ascoltarli, noi li abbiamo anche visti live in occasione del Rock in Desio lo scorso 7 luglio.

I Viola & Mescalina sono:

Marco Greguori – voce, diamonica

Francesco Fugazza – chitarra, tastiere

Marco Fugazza – batteria

Paolo Grassi – basso

Alcune foto del live @ Villa Tittoni – Desio:

no images were found

Titolo Album: Aleph

Tracklist: L’Impiccagione Di Cartesio, Affresco Noir, A Sua Immagine E Somiglianza, Dr. Jekyll (E La Sua Insonnia)

Elena