Tutti contro Allevi: il talento fa gola, ma non è per tutti

giovanni alleviCi ritroviamo a leggere la parole dell’esperto Massimo Poggini, che ci dicono essere “biografo ufficiale di Vasco Rossi e Ligabue, ha lavorato a Max fin dal primo numero e ha intervistato centinaia di star”, esperto talmente tanto, da giudicare negativamente Allevi, senza averne sentito nemmeno l’album “nuovo disco, Sunrise (uscirà il 30 ottobre). Non avendolo ascoltato, non entro nel merito dei contenuti musicali. Ma a togliermi ogni voglia di ascoltarlo mi bastano queste parole…” le parole a cui fa riferimento “l’esperto” sono quelle che fanno da presentazione e accompagnamento all’annuncio della pubblicazione di Sunrise per l’appunto. Parole incriminate ed etichettate come melense e ottuse. “La sua musica è d’un vecchiume esasperante” “il musicista fiorentino riesce a non annoiare qualsiasi abito (musicale) indossi” “una cosa è certa fin da subito: Allevi è un finto genio eccessivamente sopravvalutato” queste sono solo alcune delle belle frasi intrise di raziocinio dell’esperto, in fondo uno giudica per conoscenza (ma senza aver ascoltato Sunrise, bah!). Il punto della questione non è una critica rivolta ad Allevi in maniera piuttosto dura, e gratuita, il punto è che in questo caso, ma ne abbiamo visti di molti altri, spesso la saccenza di sentirsi, ed essere, esperti, porta alla confusione tra cosa è giudicabile e cosa no. Perchè qui, tra le righe, ciò che si legge è una semplice, e quasi acida, antipatia nei confronti del pianista. Basta una semplice analisi del discorso per capirla: “mi è sempre stato antipatico”, “Istrionico com’è”, ” è intimamente convinto di essere un genio” . Le basi di una critica ad un artista, ed Allevi che ti piaccia o meno, lo è, non si fondano su antipatie, alchimie, e sensazioni a pelle; e di conseguenza una critica non è più tale, ma diventa semplicemente la successione di parole deliranti dedicate ad una persona che assume le sembianze del tuo più acerrimo nemico, quello che ti ha distolto dal sonno, o che ti ha rubato la caramella. Giudicare un talento, dal suo carattere, per il suo ego, rischia di spostare il focus della propria critica, dal lavoro che è in prossima uscita, alla personalità, e sinceramente, sentire una critica del genere rivolta ad Allevi da colui che è “biografo ufficiale di Vasco Rossi” ci fa ghignare e non poco (deve essere un lavoraccio!)

L’ “esperto” non dovrebbe andare oltre a queste banalità? riuscire ad avere una visione non distorta e non deviata da “sensazioni” personali? e dedicare lo spazio che possiede all’esposizione critica ed obiettiva della sua “preda”?

Se non si fosse capito, noi andremo a vedere, sentire, e magari dopo (dopo) criticheremo Allevi, eccovi qualche data da segnare:

30 ottobre, data di uscita di SUNRISE.

Oltre alla premiere del 14 novembre al Teatro Carlo Felice di Genova e le quattro successive repliche a Firenze (15 novembre – Teatro Verdi), Bologna (18 novembre – Teatro Auditorium Manzoni), Milano (19 novembre – Teatro degli Arcimboldi), Roma (28 novembre – Auditorium Conciliazione).

Giovanni incontrerà i propri fan e autograferà il nuovo disco negli stores Feltrinelli e Fnac. Ecco l’elenco degli appuntamenti IN STORE:

lunedì 29/10 – FELTRINELLI MILANO piazza Piemonte, 2 – ore 18.30 – IN ANTEPRIMA, 24 ore prima dell’uscita ufficiale
martedì 30/10 – FELTRINELLI ROMA via Appia Nuova, 427 – ore 18.00
mercoledì 31/10 – FNAC NAPOLI via Luca Giordano, 59 – ore 17.00
giovedì 08/11 – FELTRINELLI FIRENZE via de’ Cerretani, 30/32r – ore 18.30
venerdì 09/11 – FNAC TORINO LE GRU Via Crea, 10 Grugliasco (TO) – ore 18.00
sabato 10/11 – FNAC VERONA Via Cappello, 34 – ore 18.00