Perturbazione: “Musica X” – la recensione

perturbazione-musica-streaming-musica-xEsce il prossimo 6 Maggio “Musica X”, il sesto lavoro dei Perturbazione. Lamusicarock lo ha ascoltato in anteprima per voi nell’ozio pomeridiano di un Aprile piovoso. Dopo oltre diciassette anni di intensa attività, dopo aver regalato alla musica italiana pezzi fondamentali della sua definizione contemporanea (uno su tutti lo splendido e indimenticabile “In circolo” del 2002), dopo aver sviluppato accanto alla musica una raffinata passione per l’happening o lo stupore altrui, i Perturbazione decidono che possono tranquillamente permettersi di cambiare. Decidono che possono tranquillamente diventare qualcos’altro. Proseguono allora per quella strada iniziata nel 2010 con il precedente “Del nostro tempo rubato”. Insistono allora il gioco elettronico, la presa leggera e straziante, il tratto complesso del pop. Chiusa in studio la band si ritrova davanti a sé stessa con una questione delicata tra le mani: la voglia di comporre musica senza indugiare sul passato e sulle sue formule, il desiderio di non farsi rinchiudere in quella parrocchia musicale dove ci si parla e ci si ascolta solo tra convertiti. I Perturbazione rischiano, scelgono la “X”. Si svestono e si rivestono in dieci brani che sembrano disegnare nella mente, con parole e rumori, un cortile dell’infanzia. Giocano come ragazzini il pop più ricercato, l’elettronica più acida, la sperimentazione più sapiente, i ritmi, le melodie, le parole, le voci, i ricordi. Al centro di questa storia variopinta ci sono la manutenzione dell’amore, lo scoppio della coppia, le riflessioni dell’età adulta (così lontana da quel tempo lontano in cui tutto era ancora desiderabile) e il sesso, con la sua potenza espressiva, la sua profondità emotiva, con la sua essenza carnale e spietata. Cambiano la pelle, forse, come si confà ad un sopraggiunto cambio di stagione ma l’anima, signori, è quella. Il gruppo piemontese erede naturale del miglior rock alternativo anni ‘80 torna a dimostrare la propria capacità di unire testi personali (questa volta decisamente più sfrontati e taglienti) con un suono pop diverso, obliquo e orecchiabile (stavolta corrotto fin nella sua origine da sperimentazioni elettroniche ancora più convinte). Il disco raccoglie qua e là collaborazioni interessanti ed eterogenee (Erica Mou, Luca Carboni, I cani) oltre a vantare la produzione artistica di Max Casacci (Subsonica). Da ascoltare assolutamente “Mia figlia infinita” e “Tutta la vita davanti”. Un piccolo viaggio che corrode e che, superata l’iniziale nostalgia per i tempi dei “complicati pretesti del come”, regala un momento esplosivo. Un attimo in cui accade che alcune regole, semplicemente, cambiano. E per questa potenza lucida, posso dirlo con certezza, sono loro. Ancora loro. I Perturbazione. Questo disco è un gioco. E in quanto tale, va preso dannatamente sul serio.

Il 9 Maggio il disco sarà presentato al “Rock ‘n Roll” di Milano. Noi ci saremo per intervistarli e per goderci la serata! Non mancate.

9 Maggio – PERTURBAZIONE MUSICA X @ SHOWCASE – ROCK’N’ROLL CLUB

Via Bruschetti, 11 Angolo Via Zuretti
MILANO
Ingresso Gratuito

Showcase è una trasmissione in collaborazione tra
Rocknroll Radio e Rock’n’Roll Club
Ideata e condotta da
Luca Trambusti