Marlene Kuntz @ Alcatraz Milano: un live oltre la musica

Così i Marlene Kuntz annunciavano lo speciale delle data di Milano del tour estivo 2012: «In occasione della data di Milano, mercoledì 16 maggio, avremo l’enorme piacere di ospitare sul palco un uomo che non ha bisogno di presentazioni: il nostro corregionale Marco Travaglio. Chi ha già visto l’attuale concerto dei Marlene può forse immaginare cosa ci regalerà nella prima parte. Ciò detto pare quasi inutile formulare la famosa esclamazione di questi casi… Accorrete numerosi!».

Ed ecco che siamo andati (presto vi pubblicheremo anche le foto della serata). I Marlene prendono posto sul palco verso le 21 e 30. Una presenza (in)discreta quella del noto giornalista. Travaglio in questo momento è in promozione con il suo ultimo libro BerlusMonti.  Rimane un giornalista. Infatti, le paure che sul palco dell’Alcatraz si presentasse indossando pantaloni di pelle attillati e imbracciando la chitarra elettrica, sono svanite già ad inizio concerto.  Travaglio si alterna ai Marlene leggendo i commenti inclusi nel libretto dell’ultimo  CD (forse il confronto con i reading di Lord Godano, non danno giustizia all’intervento di Travaglio, “il fatto” è che non dona magia al concerto). Non piacerà forse agli amanti dei primissimi Marlene graffianti e duri. Ma dopo venticinque anni sulla scena della musica rock italiana, mostrano al pubblico di Milano una riEvoluzione, più soffice, molto più matura. I Marlene con questo nuovo sound dimostrano con abilità, senza dimenticare il passato, che sanno ri-mischiare le note rielaborando i vecchi pezzi donando loro quell’aria di “superiorità musicale” già dimostrata in Cervavamo il Silenzio . Tutto il resto, è Rock! 

Ps Travaglio poteva farsi accompagnare da Godano in FNAC, lì sarebbe stato a suo agio.

F.P.