Mamavegas... naturalmente indisciplinati! Live @ Goganga 23/11/12: le recensioni - LaMusicarock.com

Mamavegas… naturalmente indisciplinati! Live @ Goganga 23/11/12: le recensioni

Ve ne abbiamo parlato già qualche giorno fa noi, e se ne continua a parlare ancora molto in questi giorni: i Mamavegas, una delle possibili rivelazioni dell’indipendente italiano, con l’ultima uscita discografica Hymn For The Bad Things.  Li abbiamo visti esibirsi nel primo live che presenta proprio questo lavoro. Probabilmente se ne parla ancora troppo poco, il perché, forse è legato al fatto che bisogna ascoltarli dal vivo. Noi, li abbiamo visti suonare sul palco e sotto. Un attimo prima del concerto, erano seduti “nella stanza dei pazzi”, dove tutto è permesso. Luogo in cui è stata improvvisata una versione acustica di Black Fire, svestita e destrutturata, il Goganga è stato avvolto da un tepore di un fuoco nero freddo e caldo. I Mamavegas sono in sei, sono indisciplinati, si “rubano” gli strumenti, ed ognuno mette il suo. Il risultato è un unico grande suono. Come fosse suonato da un’unica mano. Un suono pieno di vitalità elettronica che non storce, incanta. Forse è inutile stare qui a descrivere a parole tutto questo. Ascoltateli, andate ai loro Live, fatelo. Non arrivate troppo tardi, hanno un piede già oltre le alpi. Non fateveli scappare. (Sanfabe)Insomma, un venerdì sera strepitoso quello al “Goganga”. Grazie all’organizzazione dei “distratti” che ha portato questo gruppo romano (anche se le origini vere sono più ampie e complicate, come loro stessi affermano) nella città milanese, sorprendendoci e non poco. Sei ragazzi che illuminano. La loro musica fa sorridere, emoziona, affascina. I Mamavegas riempiono il palco di suoni, rumori, voci, di una presenza sincera e profonda. Toccano corde che il più delle volte vengono dimenticate, corde piccole, corde celate, corde che così, sfiorate come fanno loro, tengono un pubblico numerosissimo in silenziosa contemplazione. Viene fuori gioia, viene fuori energia, viene fuori che il sestetto regala un’ora e mezza di meraviglia. In uscita il loro disco “Hymn for the bad things”, un disco complesso tanto nel concept quanto nell’accurato lavoro sulla musica. Un mondo rovesciato fatto di undici pezzi da cui farsi incantare, undici pezzi strutturati, pieni e convincenti che colpiscono per spessore ed originalità. Da ascoltare di certo “Our love” e “Blackfire”, brani capaci di ricreare con naturalezza atmosfere oltrermodo coinvolgenti. Insomma una band che in studio regala emozioni ma dal vivo stende. Ed è bellissimo. (Elena Contenta)

Foto by Elisa Ielli:

no images were found

I Mamavegas sono:

Marco Bonini
Emanuele Mancini
Andrea Memeo
Francesco Petrosino
Daniele Petrosino
Matteo Portelli