“Io ci sono” l’omaggio a Giorgio Gaber della musica italiana

Io ci sono” e per esserci hanno risposto all’appello in oltre cinquanta fra i big della musica leggera italiana al fine di celebrare in un triplo cd il decimo anniversario della scomparsa di Giorgio Gaber. A rileggerne l’opera ci sono proprio tutti. Da Max Pezzali ad Emma Marrone, passando per Luciano  Ligabue che reinterpreta “Qualcuno era comunista”, fino a al rap di J-Ax che si cimenta con “Sembra un uomo”.
Nessuno ha voluto marcar visita. C’è Jovanotti (“Si può”), Battiato, Fossati, Dalla che rivive in “Torpedo blu”, Nada, Laura Pausini ed i Negramaro. Unica eccezione, Patti Smith che rivisita in inglese “Io come persona”. L’apertura del cd è affidata ad uno storico duetto. La voce di Gaber introduce “Ciao ti dirò”, la prima canzone scritta nel 1958 e allo stesso tempo l’ultima proposta dal vivo nel 2001, interpretata a due voci con Adriano Celentano.“Io ci sono” ripercorre quella che dal 2004 è stata l’attività del festival Gaber di Viareggio, la manifestazione annuale in cui artisti più o meno blasonati si prestano al gioco della cover e della rilettura.