Daniele Silvestri al Carroponte: Salvatore Borsellino, Gino Strada, Cristina Donà

IMG_2628Anji – Sanfabe

Daniele Silvestri in concerto al Carroponte lo scorso 13 settembre offre a tutti i presenti la certezza di una serata all’insegna dell’amore, amore per la musica, amore per il nostro paese, amore per chi, semplicemente, ama… ama lui, le parole che scrive, che canta, le idea che racconta e che in molti, moltissimi presenti, urlano a gran voce. 

Un concerto, e una grande festa (finita troppo presto, come lui stesso anticipa e ripete più volte, ma ahinoi al Carroponte a mezzanotte la musica deve spegnersi).

IMG_2998Per Daniele Silvestri questa è una delle ultime tappe di questo tour estivo e sperimentale, con cui ha attraversato l’Italia in lungo e in largo. Sperimentale dicevamo, perchè questo non è un tour promozionale per un nuovo album, ma un tour in cui Silvestri sperimenta una nuova formazione, e nuove vesti sonore per i suoi brani. 

Per il nuovo giro d’Italia in note, Silvestri ha anche pensato di riarrangiare i suoi successi con la precisa intenzione di stupire il pubblico. Per il concerto al Carroponte e accompagnare il cantautore attraverso le sue canzoni è stata convocata Cristina Donà che durante la serata dedicherà un omaggio speciale a Paolo Borsellino. Lo stesso fratello di Borsellino, Salvatore, presente sul palco con Daniele ad omaggiare il ricordo del fratello Paolo. IMG_2744Daniele Silvestri ha donato una copia del manifesto che Salvatore Borsellino aveva messo esposto in memoria del magistrato ucciso e strappato da ignoti. Sulle note di “Mio Fratello” il pubblico armato di foglietti rossi (ispirati all’agenda rossa) con incisi i versi della canzone hanno reso omaggio a Paolo, rendendo il Carroponte e i suoi archi rossi, luogo di vera memoria, festa e rispetto. Altro ospite Gino Strada, verso il quale Daniele Silvestri nutre grande affetto e per cui ha promosso il lavoro invitandoci a sostenere Emergency.

carroponte 13Alla band storica si sono poi aggiunti musicisti e polistrumentisti del calibro di, Guglielmo Gagliano (Benvegnù, Negrita) e Massimo Giangrand. Il concerto si è sviluppato in più di due ore, in cui Silvestri e mega band hanno alternato momenti intimi ed  intensi a momenti in cui il ballo e l’esultazione erano d’obbligo. 

Il live finisce a malincuore, il pubblico però non ci sta… urla, fischia, e canta… dopo oltre 10 minuti dalla fine del concerto Daniele Silvestri esce dalle quinte, si siede sul palco e con la testa fra le mani ringrazia, e abbraccia la prima fila, stringe la mano a tutti… e anche a noi 🙂

Anji – Sanfabe

Eccovi le foto:

[shashin type=”albumphotos” id=”187″ size=”small” crop=”n” columns=”max” caption=”n” order=”date” position=”center”]