AFTERHOURS e IL TEATRO DEGLI ORRORI: un concerto gratuito a L’aquila

 Abbiamo sempre apprezzato le iniziative a suon di musica e coscienza, e a questo giro sono gli Afterhours e il Teatro degli Orrori a decidere di organizzare qualcosa di utile e piacevole in quel de L’aquila. Sabato 19 maggio ore 21.00, Piazza Duomo, si cercherà senza alcuna pretesa ma con tante speranze di riportare l’attenzione su L’Aquila e sui suoi giovani  a 3 anni dal terremoto. Il concerto sarà gratuito, e a costo zero per l’Amministrazione locale, poichè a dare supporto ci saranno dei local promoter e dell’Amministrazione stessa. Ricordiamo ancora termini quali “zona rossa” che indicava proprio la zona più colpita dal sisma, e in cui si trova Piazza Duomo, e sarà proprio quella la location dell’evento, un luogo carico di significati simbolici della storia della città nel bene e nel male. Gli artisti e lo staff alloggeranno in locali e strutture come la Caserma della Guardia di Finanza che aveva ospitato il G8. La musica aveva già pensato ad impegnarsi per gli aquilani con il singolo “Domani” (registrato a tempo di record da oltre 56 artisti) che aveva portato ad una raccolta di  oltre 1 milione di euro interamente destinato alla ricostruzione, sapete che fine hanno fatto quei soldi? sono ancora inutilizzati. Proprio per questo Manuel Agnelli (che aveva partecipato alla registrazione ai tempi, di “Domani”) vuole ritornare e ridare voce a una realtà, non dimenticata, ma lasciata in stand-by. La speranza è che si giunga ad una soluzione in tempi brevi e che questi soldi possano essere utilizzati. L’assessore alla Cultura presso il Comune de L’Aquila, Stefania Pezzopane ha commentato così l’iniziativa: “Abbiamo accolto immediatamente la proposta degli Afterhours di donare ai giovani aquilani un evento completamente gratuito, che riporti l’attenzione dei media sulla nostra città, ancora tristemente ferita, anche nelle sue anime. La performance degli Afterhours porterà si solidarietà, ma anche un momento di socialità e di condivisione. Di nuovo il centro storico tornerà a vivere insieme ai giovani ed alla musica. Ringrazio gli organizzatori per aver scelto di voler dirottare sull’Aquila la loro professionalità e sensibilità, creando un evento che va ben al di là dello spettacolo.”