Autore: emontesanti

Mano Manita: Antiruggine – anteprima video e intervista

Mano Manita: Antiruggine – anteprima video e intervista

Esclusive, Interviste
Mano Manita, moniker di Marco Giorio, è un artista torinese molto particolare e interessante, tanto da definirsi cantautore, ma non proprio. A pezzi è il suo secondo disco e, in occasione dell'uscita del nuovo video Antiruggine, in anteprima su Lamusicarock, abbiamo scambiato quattro chiacchiere con lui.      di Eleonora Montesanti    A Pezzi è il secondo album di Mano Manita, moniker di Marco Giorio, prodotto dallo stesso artista insieme a Marco Libanore, a Torino. Un lavoro in cui ogni brano è un esperimento stilistico con diversi orizzonti, come in una mini-serie di otto puntate alla Black Mirror. Otto canzoni di taglio elettronico, concepite da un cantautore ma non proprio e realizzate insieme ad un produttore dal gusto rock e dall’imprinting analo
Mauro Pina: L’ho scritto io – la recensione

Mauro Pina: L’ho scritto io – la recensione

Recensioni
L'ho scritto io è il nuovo disco di Mauro Pina, cantautore comasco che, su una scia melodica squisitamente pop, dà vita a un album di carattere autobiografico.     di Eleonora Montesanti    Mauro Pina, classe '66, è un cantautore, polistrumentista e paroliere nato nella provincia di Como. Il suo nuovo disco si chiama L'ho scritto io; Mauro ne ha curato tutti gli arrangiamenti e ha suonato tutti gli strumenti delle undici tracce inedite che lo compongono. Si tratta di un disco la cui linea melodica è indubbiamente pop che profuma molto del primo Battiato (quello di Sono solo canzonette, per intenderci), ma le armonie si impastano in diversi generi, dal prog, al soft rock, al country, alla bossa nova.  L'ho scritto io - come si intuisce dal titol
Massimo Priviero: All’Italia – la recensione

Massimo Priviero: All’Italia – la recensione

Rock News
All'Italia, il nuovo disco di Massimo Priviero, è un concept album costruito con storie di vita degli italiani tra l'inizio del Novecento e oggi.     di Eleonora Montesanti    All'Italia di Massimo Priviero è una lezione musicale della Storia d'Italia. Con commozione e dolcezza, il cantautore rock racconta storie di persone normali che però diventano epiche grazie alla loro forza e al loro coraggio.  Si parte dagli anni '20 del Novecento, Villa Regina è un paese costruito dai figli d'Italia immigrati oltreoceano, quando già la migrazione era un fenomeno di massa per il nostro Paese, e si sopravviveva alla nostalgia coltivando la terra.  Aquitania, invece, ci porta nel 1946, quando un contadino analfabeta della Alpi è costretto a trasferirsi nel
Luca Bash: Oltre le quinte – la recensione

Luca Bash: Oltre le quinte – la recensione

Recensioni
Oltre le quinte è il nuovo album di Luca Bash, un'opera "collettiva" dedicata ai musicisti che hanno collaborato al progetto.     di Eleonora Montesanti    Oltre le quinte, il nuovo album di Luca Bash, vuole raccontare quello che c'è oltre il palcoscenico. Oltre alla realtà e alla quotidianità, ci sono anche i musicisti con cui il cantautore condivide non solo il palco, ma anche aspetti professionali e relazionali della sua vita.  Oltre le quinte, dunque, nasce proprio per ringraziarli: ognuno di loro, nella fase più creativa della nascita del disco, ha avuto modo di mettere la propria arte, senza vincoli e indicazioni precise. La particolarità di questo lavoro, difatti, è proprio la mancanza di un produttore artistico: ogni composizione è il frutto
Le piscine terminali, tra l’ineluttabile e l’implausibile – intervista a Enrico Gabrielli

Le piscine terminali, tra l’ineluttabile e l’implausibile – intervista a Enrico Gabrielli

Interviste
Le piscine terminali è il primo libro di Enrico Gabrielli, che conosciamo bene per essere uno dei più importanti polistrumentisti e compositori italiani. Abbiamo fatto una lunga chiacchierata con lui per saperne di più su questa raccolta di racconti di fantascienza e sulla sua attività di scrittore. Naturalmente ne è uscito molto, molto di più.     di Eleonora Montesanti    Caro Enrico, questa è la nostra terza intervista insieme (la prima con L'Orchestrina di Molto Agevole e la seconda con 19'40'') e, ogni volta, dopo essermi sorpresa del tuo eclettismo, trattiamo un argomento nuovo e differente dal resto del tuo percorso artistico. Questa volta parliamo de Le piscine terminali, il tuo primo libro, una raccolta di diciassette racconti di fantascienza. Prim
Giulia Pratelli: Tutto bene – la recensione

Giulia Pratelli: Tutto bene – la recensione

Recensioni
Tutto bene di Giulia Pratelli, la cui produzione artistica è stata affidata a Zibba, è un piccolo gioiello della canzone d'autore che sa descrivere le emozioni.      di Eleonora Montesanti    Giulia Pratelli è una cantautrice toscana che, nonostante la sua giovane età, ha già avuto l'opportunità di lavorare con professionisti della musica molto importanti. Uno di questo è Zibba che, in questo disco, si è occupato della produzione artistica.  L'unione tra Giulia, Zibba e i musicisti eccellenti che hanno suonato in Tutto bene (Fabio Rondanini, Diego Esposito, Edoardo Petretti, Marco Bachi, Simone Sproccati, Stefano Riggi e Adam Kenny) ha dato vita a qualcosa di molto importante. Questo disco è importante perché è in grado di risvegliare molte sensa
Iron mais: The magnificent six – la recensione

Iron mais: The magnificent six – la recensione

Recensioni
Il country italiano ha un nuovo, magnifico, volto: quello dei brianzoli Iron mais. Abbiamo ascoltato il loro disco, The magnificent six, e ci siamo divertiti così tanto che vogliamo assolutamente raccontarvelo.      di Eleonora Montesanti   Gli Iron mais, per la sottoscritta, sono stati una rivelazione: sarà che provengo dalla loro stessa terra, sarà che subisco il fascino del cowboy, ma questi ragazzi, i "magnifici sei", hanno avuto la capacità di trasformare un genere lontano dalla nostra epoca, a tratti obsoleto, in qualcosa che sa essere poetico e attuale.  L'ironia fa da sottofondo sia ai contenuti, sia alle scie melodiche dei brani, in un incontro tra country, bluegrass, folk e western che funziona perfettamente non solo nei sei brani inediti,
ElleborN: quando musica è sinonimo di amore – l’intervista

ElleborN: quando musica è sinonimo di amore – l’intervista

Rock News
A un mese dall'uscita del loro disco Just a grain of sand e in occasione dell'uscita del nuovo singolo, Jasmine, abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Elleborn, band romana che mescola il rock alternativo all'elettronica, passando per il dubstep e le ballate. Le loro canzoni raccontano storie che, partendo dal particolare, hanno il potere di diventare universali.     di Eleonora Montesanti    Iniziamo proprio dal principio: vi ricordate se c'è stato un momento in cui avete capito che la musica avrebbe avuto un ruolo così importante nella vostra vita?  Crediamo di poter parlare per tutti e tre dicendo che fin da piccoli abbiamo avuto chiaro il fatto che la Musica avrebbe accompagnato ogni singolo istante della nostra vita, ed infatti così è stato. Sicura
Francess: A bit of italiano – la recensione

Francess: A bit of italiano – la recensione

Recensioni
Francess è un artista italo-americana che nel nuovo album, A bit of italiano, traduce in inglese brani della tradizione musicale italiana. Un esperimento ambizioso e ben riuscito.  di Eleonora Montesanti  Siamo abbastanza abituati a incontrare brani o dischi stranieri tradotti in italiano. Grandi artisti come Francesco De Gregori, Ron e molti altri, ad esempio, all'interno della loro enorme produzione artistica, hanno scelto di adattare alla nostra lingua famosissime canzoni straniere.  Di rado, invece, capita il contrario. Ultimamente mi sono imbattuta in A bit of italiano, seconda uscita discografica di una giovane cantante italo-americana di nome Francess, la quale ha selezionato i suoi brani italiani preferiti, li ha tradotti, riarrangiati e ci ha fatto un disco. 
Bob Balera: E’ difficile trovarsi – la recensione

Bob Balera: E’ difficile trovarsi – la recensione

Recensioni
E' difficile trovarsi è il disco d'esordio del gruppo Bob Balera. Sonorità elettro-pop e atmosfere agrodolci si uniscono e danno vita a un lavoro fresco e molto ben definito.     di Eleonora Montesanti    «Spesso il punto di vista è quello di un Dorian Gray a fine corsa, obbligato a fare i conti con il passare del tempo e con i propri umani limiti. Continuare ad inseguire le proprie chimere sentimentali con falcate leonine, lo renderebbe più felice, ma la felicità è cosa evanescente.» Bob Balera   E' con queste parole che i Bob Balera descrivono il loro disco d'esordio, uscito lo scorso aprile per Dischi Soviet Studio: un insieme di situazioni instabili e nostalgiche inseguite dal tempo che scorre inesorabile.  La cosa più interessante e po