Autore: emontesanti

Francess: A bit of italiano – la recensione

Francess: A bit of italiano – la recensione

Recensioni
Francess è un artista italo-americana che nel nuovo album, A bit of italiano, traduce in inglese brani della tradizione musicale italiana. Un esperimento ambizioso e ben riuscito.  di Eleonora Montesanti  Siamo abbastanza abituati a incontrare brani o dischi stranieri tradotti in italiano. Grandi artisti come Francesco De Gregori, Ron e molti altri, ad esempio, all'interno della loro enorme produzione artistica, hanno scelto di adattare alla nostra lingua famosissime canzoni straniere.  Di rado, invece, capita il contrario. Ultimamente mi sono imbattuta in A bit of italiano, seconda uscita discografica di una giovane cantante italo-americana di nome Francess, la quale ha selezionato i suoi brani italiani preferiti, li ha tradotti, riarrangiati e ci ha fatto un disco. 
Bob Balera: E’ difficile trovarsi – la recensione

Bob Balera: E’ difficile trovarsi – la recensione

Recensioni
E' difficile trovarsi è il disco d'esordio del gruppo Bob Balera. Sonorità elettro-pop e atmosfere agrodolci si uniscono e danno vita a un lavoro fresco e molto ben definito.     di Eleonora Montesanti    «Spesso il punto di vista è quello di un Dorian Gray a fine corsa, obbligato a fare i conti con il passare del tempo e con i propri umani limiti. Continuare ad inseguire le proprie chimere sentimentali con falcate leonine, lo renderebbe più felice, ma la felicità è cosa evanescente.» Bob Balera   E' con queste parole che i Bob Balera descrivono il loro disco d'esordio, uscito lo scorso aprile per Dischi Soviet Studio: un insieme di situazioni instabili e nostalgiche inseguite dal tempo che scorre inesorabile.  La cosa più interessante e po
La Differenza – Il tempo non (d)esiste : la recensione

La Differenza – Il tempo non (d)esiste : la recensione

Recensioni
La Differenza: Il tempo non (d)esiste, ovvero quando il rock d'autore si appropria della reinterpretazione di brani del passato e lo fa mettendoci tutta la propria identità artistica.     di Eleonora Montesanti   Il tempo non (d)esiste non è solo il titolo del nuovo album della band pop-rock La Differenza, è anche l'approccio di quest'ultima nei confronti delle undici canzoni che lo compongono: dieci omaggi alla musica d'autore italiana tra gli anni '70 e i primi 2000 e un brano inedito adattati alla realtà di oggi e alla poetica e allo stile del gruppo.  Ho usato la parola omaggi e non cover per una ragione: queste canzoni, infatti, vengono filtrate in maniera talmente personale da sembrare dei pezzi inediti, adattabilissimi alla realtà di oggi. Vuoi pe
Denis Guerini: tra fantasmi e dissolvenze – l’intervista

Denis Guerini: tra fantasmi e dissolvenze – l’intervista

Interviste
Lo scorso febbraio è uscito il quarto disco di Denis Guerini, Dissolvenze, un album di puro cantautorato che, travestito da fantasma, gioca a nascondino con i ricordi. Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con lui per saperne di più. di Eleonora Montesanti   Denis, ti ricordi se c'è stato un momento preciso in cui hai capito che la musica avrebbe avuto un ruolo così importante nella tua vita, tanto da diventarne la protagonista? Ho iniziato a sedici anni, con l'intento di fare colpo sulle ragazze. Alla fine mi sono ritrovato ad abbracciare le bacchette e a tirare colpi sulla batteria. E in un mondo parallelo in cui non sei un musicista, che cosa fai nella vita? Svolgo un lavoro che mi permette anche di pensare ai testi o alle musiche da scrivere. Il 60% dei brani che ho sc

Diego Esposito – E’ più comodo se dormi da me : la recensione

Recensioni
Diego Esposito esordisce con un disco di pop e cantautorato fresco e genuino, in collaborazione con Zibba (che si è occupato della direzione artistica del progetto). DI ELEONORA MONTESANTI Quanto è bravo Diego Esposito! Il suo disco d'esordio è il risultato di dieci anni di esperienze e canzoni e, proprio per questa ragione, suona già maturo, sebbene si contraddistingua per freschezza e semplicità. E' più comodo se dormi da me, questo è il titolo dell'album, è composto da nove brani dove il pop si mette e si toglie continuamente il vestito di canzone d'autore e lo fa con estrema naturalezza. Non ci sono grosse rivoluzioni stilistiche all'interno di questo disco, ma non tutti gli artisti devono per forza essere avanguardisti: Diego Esposito si muove in territori musicali già esplorati, ma

Monica Shannon – Ali : la recensione

Recensioni
Ali, il nuovo album di Monica Shannon è un concept dedicato all'amore, sviluppato attraverso nove brani in tutte le sue sfaccettature     DI ELEONORA MONTESANTI   Ali è il secondo lp di Monica Shannon, composto da 9 brani ispirati all'amore: il disco, infatti, lo descrive attraverso musica, storie e sentimenti, basati su sonorità dal sapore internazionale che vanno dal sound irlandese, al rock, al soul.  Ecco come la stessa cantautrice ha descritto ciò che sta alla base di Ali: "Ho scelto di chiamare il mio nuovo progetto Ali perché alla fine di ogni storia c’è sempre un’apertura, un volo liberatorio verso l’amore e lontano da ciò che non lo rappresenta. Una sorta di passaggio dal buio alla luce in cui vivere il vero amore, riscoprirlo nella solitudine o sempliceme